Mercoledi, 22 Maggio 2019

Back ECONOMIA Categorie Alimentari Farmers Market: i Clienti Tipo Sono Donne e la Spesa Media Settimanale è di 100 Euro

Farmers Market: i Clienti Tipo Sono Donne e la Spesa Media Settimanale è di 100 Euro


farmersmarket1403.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Donna in età matura, di istruzione superiore, con famiglia piccola (2,7 componenti), raramente con bambini e con un budget settimanale di non più di 100 euro. È questo l'identikit di chi fa la spesa nei farmers market che emerge dall'indagine "Filiere corte: quale impatto sul mondo produttivo e sulla società?" condotta dal CURSA (Consorzio Universitario per la ricerca socioeconomica e per l'ambiente) in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.
Secondo la ricerca, la filiera corta, ovvero la modalità di distribuzione dei prodotti agroalimentari che taglia gli intermediari tra il campo alla tavola, tipica dei farmers market, è la risposta che coniuga economia ed ambiente. Ovviamente la filiera corta, che opera su binari opposti rispetto a quelli della grande distribuzione, non è prerogativa solamente nei farmers market, ma anche in altre forme come i Gas (gruppi di acquisto Solidali)Gas
(gruppi di acquisto Solidali) o la vendita diretta in azienda agricolavendita
diretta in azienda agricola. Nei farmers market tuttavia i consumatori hanno il vantaggio di poter entrare in contatto nello stesso momento con diversi produttori e quindi possono contare su una maggiore concorrenza nei prezzi (in rapporto alla qualità).
Tornando all'indagine il Consorzio Universitario ha osservato 13 mercati degli agricoltori diffusi su tutto il territorio nazionale e inviato una serie di questionari a produttori (158) e consumatori (458) sui temi ambientali, sociali ed economici. Oltre all'identikit del consumatore tipo è emerso che i cittadini scelgono questi mercati diretti principalmente perchè alla ricerca di prodotti freschi, di qualità potendo anche risparmiare. Inoltre coloro che si recano nei mercati cosiddetti “alternativi”, ovvero legati anche ad obiettivi etici, si aspettano di trovare prodotti che rispettano l'ambiente.
Ma quanto spendono i consumatori in questi farmers market?
L'indagine rivela che la spesa media settimanale è di 100 euro, con una valore medio a visita che va dai 13 euro del piccolo mercato ai 25 euro dell'alternativo.

 


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Le differenze però non riguardano solo le aspettative dei consumatori in rapporto ai mercati alternativi o meno, ma anche altri aspetti, connessi ai prodotti offerti e alla clientela tipo.
Nei farmers market piccoli, ad esempio i produttori vengono dalle immediate vicinanze, cioè entro un raggio di circa 20 km per vendere i propri prodotti agricoli (frutta e verdura). In questi mercati si realizza maggiormente quella che viene definita spesa a km zerospesa
a km zero, ovvero di prodotti locali che non hanno dovuto viaggiare per migliaia di chilometri per arrivare dal campo alla tavola (come accade per la Gdo). I consumatori che si rivolgono a questo tipo di mercati sono soprattutto sessantenni con un livello di studio basso, che intendono risparmiare senza abbandonare la qualità. Nei mercati alternativi, invece l'offerta è più varia e prevede oltre a frutta e verdura anche olio e altri trasformati vegetali. Inoltre in questi mercati il 50% dei produttori offre prodotti biologici, contro il 34% dei grandi mercati e il 16% dei piccoli.

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


CREDIT

rhett maxwellrhett
maxwell by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Investimenti

investimenti

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed