Mercoledi, 12 Dicembre 2018

Back TECNOLOGIA Categorie Applicativi Firmato l'Armistizio Nella Guerra Dei Browser, una Vittoria per i Consumatori?

Firmato l'Armistizio Nella Guerra Dei Browser, una Vittoria per i Consumatori?


guerra dei browser, ballot screen,

Per molti aspetti la storia dell'informatica può essere rivista come una guerra, in cui, nelle varie ere che si sono succedute, diversi soggetti hanno combattuto per imporre il proprio standard, o per combattere il pensiero dominante. Tra le più note possiamo citare, Microsoft contro Apple, Google vs il resto del mondo e la cosiddetta Guerra dei Browser. E' proprio di quest'ultimo aspetto che vogliamo parlare oggi, visto anche l'interesse suscitato dal recente Ballot Screen che ha coinvolto gli utilizzatori di Windows Vista e XP e 7 in Europa. Ma prima facciamo un tuffo nel passato.

 

LA GUERRA DEI BROWSER
Con questo terminetermine possiamo definire quel periodo di scontro tra i produttori di Browser web per la conquista del mercato www. Si possono distinguere due periodi principali, il primo contrassegnato dalla perdita di quote da parte di Netscape a favore di Internet Explorer, che divenne così il dominatore del mercato e il secondo che vede la perdita di quote di mercato da parte del browser di casa Microsoft nei confronti di Mozilla Firefox e Soci. Due furono anche i fattori chiave che contraddistinsero le due fasi della guerra, ovvero la presenza di Internet Explorer come Browser predefinito dei sistemi operativi Microsoft, e la maggior attinenza di software come Firefox agli standard web e alle esigenze dei consumatori. La guerra lascio anche vittime illustri sul campo di battaglia, come l'ottimo Netscape ed ebbe diverse conseguenze legali, soprattutto in Europa, comminate dalle autorità Antitrust nei confronti della Microsoft.

LA FINE DELLA GUERRA E IL BALLOT SCREEN
Quando sono in gioco interessi economici così importanti è sempre difficile porre la parola fine ad un conflitto, soprattutto quando il campo di battaglia in questione è tra i più rapidi e mutevoli del mercato. Una cosa è certa, quantomeno in Europa, non ci saranno più grossi paletti che impediscano alla “selezione naturale” di eleggere il browser del futuro, in grado di dominare il mercato. Questo perché la Microsoft si è impegnata nei confronti della Commissione Europea a fornire la possibilità concreta agli utenti windows di poter scegliere il browser con il quale navigare su internet. Coloro che acquisteranno un nuovo pc con sistema windows, o che già ora utilizzano windows xp, vista o 7, si troveranno di fronte ad una schermata (Ballot ScreenBallot Screen) che permetterà la scelta del browser da utilizzare per la navigazione online. Questa schermata preinstallata sui nuovi pc e disponibile grazie ad un update di windows dal 1 marzo 2010, mostrerà in ordine casuale (se l'utente ha attivi i Javascript) 12 browser alternativi, ovvero:

  • Chrome, Firefox, Opera, Safari, Internet Explorer
  • Flock, K-Meleon, Maxthon, GreenBrowser, Sleipnir, Slim, Avanti

Ogni browser è corredato di una breve descrizione, che non è in grado di offrire molte informazioni sul prodotto,ma assomiglia più ad una mini pubblicità (Vedere per credere sul sito dedicato Browserchoice.euBrowserchoice.eu).

 

COMMENTI E CONSIGLI
il provvedimento è stato ben visto dai principali concorrenti di Internet Explorer  che hanno potuto constatare miglioramenti per ciò che riguarda il numero di download dei propri Browser. A febbraio 2010febbraio 2010 il mercato globale dei browser vede prevalere Internet Explorer con una quota del 61,58%, seguito da Firefox col 24,23%, Chrome col 5,61%, Safari col 4,45%, Opera col 2,35% e Netscape con lo 0,75%. Il resto dei produttori lottano per il rimanente 0,98%. Quello che è certo è che se windows non vorrà perdere ulteriori quote di mercato dovrà lavorare per rendere il proprio browser più attinente agli standard web. Infatti eventuali manovre messe in atto per aggirare gli impegni presi con la commissione europea potranno portare a multe fino al 10% del fatturato annuale di Microsoft.
Dare dei consigli su quale Browser utilizzare non è affatto semplice, visto che sono diversi gli aspetti da considerare. AltroconsumoAltroconsumo ci ha provato effettuando alcuni test comparativi e spiegando come scegliere il browser attraverso la Ballot Screen. Per quanto mi riguarda, avendo già da tempo abbandonato l'universo Windows, in favore di Linux (nello specifico Ubuntu) mi sono trovato a testare in qualità di utente diversi tra i browser , alternativi a explorer, presenti nella Ballot Screen. Tra questi quello che più mi ha convinto e accompagnato nella navigazione è stato senz'altro Firefox, che nonostante una cronica allergia con flash, ha saputo grazie alle sue estensioni esaudire molte delle mie necessità. Tuttavia, ho constatato che il browser di casa Mozilla, sta diventando sempre più “ramnivoro” con l'evolversi delle versioni (ora siamo alla 3.6.2) per cui ultimamente sono passato ad utilizzare Google Chrome e saltuariamente Opera trovandomi tutto sommato bene.

RISORSE

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Investimenti

investimenti

Famiglia

famiglia

Green Economy

greeneconomy

Consumatori

consumatori

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed