Venerdi, 24 Novembre 2017

Back Case ed Immobili IMU: il Prelievo Sugli Immobili è Pari Al 233% Dell'ICI

IMU: il Prelievo Sugli Immobili è Pari Al 233% Dell'ICI


IMU, Comuni, immobili

L'IMU sta creando diversi problemi non solo ai cittadini, che dovranno pagare di più per il possesso degli immobili rispetto alla vecchia ICI, ma anche ai Comuni.
Per questa ragione l'ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) in collaborazione con l'IFEL (Istituto per la Finanza e l'Economia Locale) ha predisposto alcuni documenti per chiarire meglio le idee ai cittadini in merito alla nuova imposta immobiliare.
Primo tra tutti i Comuni italiani hanno voluto chiarire che l'IMU comporterà un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili, pari al 233% dell'ICI, gran parte del quale finirà nella casse statali. Questo perchè è riservata allo Stato la quota di imposta pari alla metà dell'importo calcolato applicando l'aliquota base, fatta eccezione per l'abitazione principale, le relative pertinenze e i fabbricati rurali ad uso strumentale.  

Inoltre la legge prevede che tutto il gettito comunale in eccesso rispetto a quanto incassato con l'ICI sia recuperato dallo Stato attraverso riduzioni dei trasferimenti. Secondo i calcoli dell'IFEL, con l'introduzione dell'IMU i Comuni ricaveranno risorse equivalenti al 72% del gettito ICI. Si tratta insomma, tengono a precisare i Comuni, di un'imposta che di municipale ha solo il nome. Lo Stato ottiene dall’operazione IMU oltre 13 miliardi, mentre i Comuni perdono risorse per quasi il 30% della precedente ICI.

In proposito il Presidente ANCI, Graziano Delrio, ha sottolineato che l'IMU comporterà più tasse per i cittadini e Comuni più poveri. Se l'imposta fosse dei Comuni, ha proseguito Delrio : “potrebbe essere più bassa del 50%. Non é giusto nascondersi dietro la faccia dei comuni. Se lo Stato vuole fare patrimoniali lo dica chiaramente”. La sola compensazione dei tagli vale oltre 1 punto dell'aliquota standard IMU per gli immobili diversi dall'abitazione principale (più di un terzo della leva complessiva).
A proposito di aliquote ricordiamo che i Comuni potranno influire sul peso dell'IMU, agendo sulle tre aliquote previste dalla legge:
  • aliquota ordinaria pari al 7,6 per mille aumentabile o diminuibile di tre punti per mille (tra 4,6 e 10,6 per mille)
  • aliquota ridotta per l'abitazione principale pari al 4 per mille, aumentabile o diminuibile di due punti per mille (tra 2 e 6 per mille)
  • aliquota ridotta per immobili rurali ad uso strumentali pari al 2 per mille diminuibile fino all'1 per mille.
L'IMU da pagare dipende poi, oltre che dalle aliquote, anche dalla base imponibile dell'immobile posseduto, dalla quota di possesso e dal periodo di possesso. Nel caso di un immobile posseduto per intero e per tutto l'anno, l'imposta annuale si calcola moltiplicando il valore dell'immobile per l'aliquota decisa dal Comune. Per quanto riguarda il periodo di possesso si contano i mesi su base annuale (esempio se si entra in possesso dell'immobile a maggio, si conteranno 7 mesi su 12), mentre viene considerato un mese intero di possesso il mese nel quale il possesso si verifica per almeno 15 giorni.
 
468x60_spesa
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Mutui

mutui

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed