Martedi, 21 Maggio 2019

Back ECONOMIA Categorie Case ed Immobili Per Comprare Casa Occorrono Oltre 18 Anni di Stipendi, 3 in Più Rispetto a Dieci Anni Fa

Per Comprare Casa Occorrono Oltre 18 Anni di Stipendi, 3 in Più Rispetto a Dieci Anni Fa


mutuimediulanum.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Come di consueto l'Osservatorio Nazionale della Federconsumatori ha aggiornato le previsioni sulla variazione dei costi per l'affitto e il mantenimento della casa, dal 2001 ad oggi. Le notizie per i consumatori purtroppo non sono affatto buone visto che, rispetto al precedente rapportoprecedente
rapporto, le spese per la casa in affitto sono cresciute di 6 punti percentuali, passando dal +77% a +83% (sull'anno di riferimento 2001) , mentre quelli per la casa di proprietà sono risultati in crescita di nove punti percentuali (da +24% a +33%). In termini assoluti, riferisce l'associazione, gli inquilini spendono 707,15 euro al mese in più rispetto al 2001 (pari 8.485,80 Euro l’anno), mentre chi sta comprando casa 241,35 Euro in più al mese (pari a 2.896,20 Euro l’anno).
Rispetto al 2010 lo studio evidenzia che vi sarà un aggravio del 4%, pari a 57,80 Euro al mese, per chi ha un appartamento in affitto e del +7%, ovvero 64,90 Euro al mese, per chi, invece possiede un appartamento di proprietà.
Come nelle precedenti indagini i costi fanno riferimento ad un appartamento di 90 metri quadri, sito in una zona semicentrale di una grande area metropolitana. Il fatto rilevante (nella sua drammaticità) è che nell'ultimo decennio il tempo necessario per acquistare l'appartamento tipo considerato è passato dai 15,3 anni di stipendio del 2001 ai 18,2 anni del 2011.
Come è ben facile capire, tali dati, soprattutto in un periodo economico come quello attuale, contribuiscono a rendere il bene casa sempre meno a portata delle famiglie. Secondo Federconsumatori e Adusbef, infatti, lo studio dimostra che: “ la casa continua a rappresentare, infatti, uno dei problemi più gravi del Paese, sia per quanto riguarda le abitazioni in affitto che per quelle di proprietà.” A registrare i maggiori disagi, continuano le associazioni, sono soprattutto le giovani coppie che vogliono emanciparsi o che vogliono mettere su famiglia. Questo fatto, del resto è confermato anche dalle statistiche dell'osservatorio Isfol, secondo cui in Italia quasi la metà degli uomini e quasi un terzo delle donne nella fascia di età compresa tra i 25 e i 34 anni vive ancora con i genitoriquasi
la metà degli uomini e quasi un terzo delle donne nella fascia di
età compresa tra i 25 e i 34 anni vive ancora con i genitori. In più se da un lato i costi continuano a crescere dall'altro si assiste anche ad un aumento della disoccupazione, che soprattutto per i giovani raggiunge cifre record (29%).


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Di fronte a questa situazione Federconsumatori e Adusbef chiedono provvedimenti urgenti, rivolti sia a ridurre il costo dell'abitazione , soprattutto per i ceti più deboli, dotando il Paese di un serio piano per l’edilizia residenziale e che a sostenere il potere di acquisto delle famiglie, attraverso una detassazione per il reddito fisso.


I RINCARI MAGGIORI PER INQUILINI E PROPRIETARI
Secondo il rapporto, dal 2001 i costi mensili che sono aumentati maggiormente in termini percentuali per gli inquilini sono stati quelli relativi alla manutenzione ordinaria (+308%), alla nettezza urbana (+131%), al canone d'affitto e alle spese del condominio (+87% per entrambi).
Le voci di spesa che riguardano i proprietari sono molto simili, con in testa sempre la manutenzione ordinaria (+260%), seguita dalla nettezza urbana (+131%) e dalle spese per il condominio (+87%).
L'unica voce di spesa che è diminuita in questo periodo è stata quella relativa al telefono, calata del 9%, per entrambe le categorie di consumatori.

  [Via: FederconsumatoriFederconsumatori ]


 

468x60_spesa

RISORSE:

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Mutui

mutui

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed