Mercoledi, 12 Dicembre 2018

Back ECONOMIA Categorie Case ed Immobili UIL: l'Incidenza Dei Costi Abitativi Sul Reddito Delle Famiglie è Troppo Alta

UIL: l'Incidenza Dei Costi Abitativi Sul Reddito Delle Famiglie è Troppo Alta


uilrapporto2805.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

La Uil ha presentato recentemente il 6° rapporto “Famiglia-Casa-reddito” in cui vengono analizzate queste tre “variabili” nella società italiana, prendendo in riferimento e confrontando l'andamento dei prezzi delle abitazioni nei due semestri del 2010, in alcuni capoluoghi di provincia italiani. Nell'analisi sono state considerate quattro famiglie tipo, composta ognuna da 4 membri ma con diversi livelli di reddito che si rapportano ai costi di affitto e di acquisto di un appartamento di 70 mq.
Secondo quanto afferma il segretario confederale della Uil , Guglielmo Loy, il disagio abitativo è cresciuto nel tempo, soprattutto a causa della crescita dell'incidenza dei costi abitativi sul reddito delle famiglie italiane. Questo disagio abitativo deriva secondo la Uil, dall'azione congiunta di tre fattori:

  • lo stress economico, derivante dal costo di accesso alla casa e dal suo mantenimento;
  • l’inadeguatezza dello spazio abitativo, determinata da problemi di sovraffollamento;
  • l’inidoneità abitativa, risultante dal livello di dotazioni fondamentali dell’alloggio;

che insieme, rendono l’alloggio insoddisfacente rispetto alle esigenze familiari.
Per quanto riguarda i valori di locazione l'indagine ha rilevato una generale diminuzione su gran parte del territorio. In testa troviamo Aosta con una diminuzione del 22%, seguita Roma con -19,3%, Venezia con -17,2%, Torino con -15%, Milano con –14,2% e Palermo con -11,9%. Diminuzione sotto il 10% per Ancona (-8,4%), Firenze (-7,7%), Bologna (-7,6%), Napoli (7,4%), Campobasso (-6,7%); Bari (- 6%), Trento con (-4,7%), Genova (-4,2%), Cagliari (-3,1%). Potenza (-1,9%) e Trieste (-1,8%). In controtendenza vi sono invece Catanzaro con un aumento del 7,4%, Perugia con il +3,3% e Bolzano con +1,1%.
Nonostante questa diminuzione generalizzata ed in alcuni casi anche sensibile, i canoni di affitto rimangono troppo onerosi per le famiglie, con in media un costo di 613,78 euro per un appartamento di 70 mq (dato nazionale). 


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Questa somma incide sul reddito delle famiglie considerate per il 28,8% ma con punte anche del 62%, come nel caso di Roma e del 53% a Venezia.
Dati che per l'organizzazione sindacale impongono una nuova politica degli affitti che permetta alle famiglie di detrarre parte dell'affitto.
Anche per quanto riguarda le quotazioni immobiliari la Uil ha evidenziato diminuzioni. Specialmente a Roma (-17,9%), Venezia (-13,3%), Palermo (-11,4%), Milano (-11%) e Genova (-10,6%), dove le riduzioni sono state a due cifre. Ma cali consistenti sono stati riscontrati anche a Firenze (-7,6%) , Napoli (-7,4%), Perugia (-6,7%), Bari (-5,5%), Campobasso (-4,2%), Bologna (-3,9%), Cagliari (-3,8%) e Potenza (-1,2%). Viceversa i prezzi degli immobili sono aumentati ad Aosta (+14%), Catanzaro (+6%), Trento (+5,20%) e leggermente anche a Trieste e Bolzano con rispettivamente aumenti dello 0,17% e dello 0,04%.

[Via: UilUil ]

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631
RISORSE:

blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Mutui

mutui

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed