Martedi, 16 Luglio 2019

Back Consumatori Conciliazione Paritetica: Risoluzione Delle Controversie in 70 Giorni

Conciliazione Paritetica: Risoluzione Delle Controversie in 70 Giorni


conciliazione paritetica, giustizia, consumatori

Le forme di giustizia alternative sembrano l'unica soluzione per risolvere una controversia in materia civile in tempi e costi ragionevoli. Abbiamo visto nei giorni scorsi che secondo il “Quinto Rapporto sulla diffusione della giustizia alternativa in Italia" con la mediazione l'accordo tra le parti viene raggiunto nel 74% dei casi in media in 56 giorni. Oggi torniamo sul tema per presentare i numeri del “Terzo Rapporto Sulle Conciliazioni PariteticheTerzo Rapporto Sulle Conciliazioni Paritetiche” curato da Consumers’Forum”.
Secondo quanto riportato nel rapporto, lo scorso anno sono state 16.895 le domande di conciliazione paritetica presentate dai consumatori per risolvere controversie con aziende, che nel 72% dei casi hanno riguardato il settore della telefonia, segue il settore energia (16%), i servizi e gli uffici postali (3%), i trasporti (3%) e le banche e i servizi finanziari (2%).
Lo strumento sembra funzionare molto bene soprattutto per quanto riguarda i tempi.

L'Unione Europea, infatti, fissa in 90 giorni il limite di tempo per chiudere una controversia di consumo in conciliazione, mentre in Italia si impiegano in media 70 giorni con la conciliazione paritetica. Inoltre la percentuale di accordi raggiunti è decisamente alta, arrivando al 96% nel settore delle telecomunicazioni, al 92% in quello postale, all'88% nel settore dei trasporti, al 78% nel settore bancario e finanziario e al 78% in quello energetico.
A livello di rimborsi, servizi o indennizzi i consumatori hanno ottenuto nel 2011, un valore economico pari a 3,5 milioni di euro a costo zero in quanto la procedura è gratuita.

Dati decisamente positivi sottolineati anche dal Parlamento Europeo, che, come riporta Liliana Ciccarelli curatrice della ricerca e Segretario Generale di Consumers’ Forum , ha definito lo scorso ottobre “il modello italiano di conciliazione paritetica una best practice” .
Del resto la Commissione Europea ha più volte espresso parere positivo sui sistemi conciliativi evidenziando che l'accesso a servizi di buona qualità farebbe risparmiare ai consumatori europei circa 22,5 miliardi di euro l'anno. Il costo del contenzioso non risolto con i consumatori europei viene valutato pari allo 0,4% del Pil dell'Unione Europea.


COS'È LA CONCILIAZIONE PARITETICA
Il rapporto ricorda che la conciliazione paritetica interviene nel risolvere controversie che probabilmente non andrebbero dinnanzi ad un giudice e, grazie all'intervento delle Associazioni dei Consumatori, ha il merito di riequilibrare il potere negoziale tra le parti. Inoltre non richiede difficoltà di accesso, in quanto l'unico requisito formale per poter accedere alla procedura è quello di aver inoltrato precedentemente un formale reclamo all'azienda che, o non ha risposto nei tempi stabiliti oppure ha dato un riscontro giudicato insoddisfacente dal consumatore.
Una volta avviata la procedura di conciliazione paritetica il consumatore ha dai 5 ai 30 giorni a disposizione, in base ai protocolli sottoscritti dalle aziende del settore, per valutare la proposta conciliativa individuata dalla commissione. Quest'ultima altro non è che l'organismo deputato alla gestione della controversia ed è composta da un rappresentante dell'Associazione dei Consumatori e da un rappresentate dell'Azienda. Qualora la proposta della commissione sia accettata entrambe le parti sottoscrivono un verbale che ha valore di accordo transattivo, diversamente in caso in cui l'accordo non venga raggiunto non sono previste conseguenze negative per le parti.

Valore Conto 468 x 60

RISORSE.

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


CREDIT
MyTudutMyTudut by flickr
 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed