Martedi, 20 Agosto 2019

Back Consumatori Fiducia Dei Consumatori: Mai Così Bassa Dal 1996

Fiducia Dei Consumatori: Mai Così Bassa Dal 1996


fiducia dei consumatori, crisi, recessione

La fiducia dei consumatori è crollata. La fotografia, scattata a giugno, reca la firma dell’Istat e consegna un quadro molto sconfortante. Nella fattispecie, l’indice di fiducia è sceso da 86,5 s 85,3. E’ il dato peggiore dal 1996, ma potrebbe essere benissimo il dato peggiore di sempre: il 1996, infatti, è l’anno di inizio delle serie storiche Istat.
Il crollo della fiducia è totale, coinvolge la percezione del presente come quella del futuro, della situazione generale come di quella particolare. Nel dettaglio, l’indice di fiducia rispetto alla condizione personale è sceso da 95,2 a 94,8 (il calo è qui più lieve rispetto agli altri). L’indice di fiducia rispetto al clima economico è invece sceso da 64,2 a 59,7. Analogamente, l’indice rispetto alla situazione corrente è passato da 96,4 a 95,5; l’indice rispetto al futuro, infine, è sceso da 75,7 a 72,9.  

Insomma, i consumatori la vedono nera. Come dar loro torto? Tutti i parametri che designano la qualità economica di un paese restituiscono valori poco confortanti: disoccupazione, crescita del Pil e, in ultima istanza, percezione dell’outlook (proprio la voce che l’ISTAT ha indagato). L’indice di fiducia è calcolato prendendo a riferimento nove domande poste ad un campione di consumatori.

Alcune di queste domande sono: “come giudica la situazione economica dell’Italia e che previsione fa a riguardo? Come giudica la situazione economica della sua famiglia e che previsioni fa a riguardo? L’intervistato può scegliere la risposta che più gli aggrada da un range di possibilità: molto alto, alto, stazionario, basso, molto basso.
I dati dell’Istat hanno ispirato fin dalla loro immediata diffusione riflessioni e interpretazioni. Tra tutte, è spiccata per tempismo e lucidità quella della Confesercenti. L’ente rintraccia i motivi di questo clima di sfiducia non tanto nella crisi economica in sé, e dunque nella recessione e nella disoccupazione, tanto nel peso fiscale eccessivo. E’ la pressione fiscale che contrae i consumi e impedisce di essere ottimisti, togliendo ai cittadini lo strumento madre per migliorare la propria vita (il denaro). C’è il rischio, sempre secondo la Confesercenti, di entrare in un circolo vizioso: ad una pressione fiscale esagerata segue la già citata contrazione dei consumi, ad essa segue una spinta recessiva e a quest’ultima segue un peggioramento della fiducia. Il pessimismo, infine, porta ad una maggiore tendenza al risparmio e quindi ad una nuova contrazione dei consumi.
Valore Conto 468 x 60
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

CREDIT
KalexandersonKalexanderson by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed