Martedi, 20 Agosto 2019

Back Consumatori Telefonia Mobile: per Risparmiare Conviene Cambiare Operatore

Telefonia Mobile: per Risparmiare Conviene Cambiare Operatore


telefonia mobile, cambio operatore

Gli operatori di telefonia mobile, soggetti ad un regime di forte concorrenza, tendono ad attirare un numero sempre maggiore di clienti mediante offerte e promozioni. Il paradosso che si crea è che i clienti appena acquisiti, che passano da un operatore all’altro, hanno condizioni più vantaggiose rispetto a quelli più fedeli, almeno per un tempo determinato. Ma del resto queste sono le logiche del mercato e non sono applicate solo dagli operatori di telefonia mobile o fissa ma anche per le connessioni adsl, le pay tv e tanti altri servizi.
Una recente indagine di Sos TariffeSos Tariffe ha rilevato che il cambio di portabilità (quindi il passaggio ad un altro operatore mantenendo il proprio numero di telefono) comporta un risparmio immediato che va dal 4 al 32% (oscillazione che varia in base alla fascia di consumo, alla modalità di ricarica o di abbonamento e al tipo di cliente, ad esempio business o privato).

Non è un caso che dal 2006 ad oggi in Italia 30 milioni di utenti abbiano cambiato operatore di telefonia mobile, quasi 9 milioni solo nell’ultimo anno.
L’indagine ha individuato sei fasce di consumo:

  • 1° fascia: 200 minuti di chiamate; 100 SMS; 200 MB di traffico Internet
  • 2° fascia: 300 minuti di chiamate; 100 SMS; 300 MB di traffico Internet
  • 3° fascia: 400 minuti di chiamate; 100 SMS; 300 MB di traffico Internet
  • 4° fascia: 800 minuti di chiamate; 200 SMS; 300 MB di traffico Internet
  • 5° fascia: 1500 minuti di chiamate; 300 SMS; 500 MB di traffico Internet
  • 6° fascia: 2000 minuti di chiamate; 500 SMS; 1000 MB di traffico internet
Per ognuna di queste fasce è stata presa in considerazione la tariffa di riferimento di ogni operatore. Con la portabilità del numero si risparmiano da un minimo di 8 ad un massimo di 23 euro al mese per il primo anno. Il risparmio inoltre cresce in maniera esponenziale ai consumi, per la modalità abbonamento, mentre è vero esattamente il contrario per le ricaricabili. La scelta tra l’una e l’altra quindi dipende molto dall’utilizzo medio del telefonino.
Cambiare operatore mantenendo il numero permette di risparmiare fino a 279,48 € per gli abbonati e circa 145,26 € per chi ha optato per le ricaricabili. Il tutto mediante un iter semplice e veloce, privo di costi aggiuntivi. Le nuove norme approvate dall’AGCOM a novembre 2011 stimano il tempo necessario per ottenere la portabilità ad solo un giorno lavorativo. La gestione della parte burocratica è inoltre a carico del nuovo operatore, senza oneri per il cliente. Insomma essere fedeli al proprio operatore è sempre più difficile e pare che questi ultimi siano sempre più attenti a cercare nuovi clienti piuttosto che a tenersi stretti quelli che già hanno.
RISORSE:

CREDIT
Ed YourdonEd Yourdon by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed