Sabato, 25 Novembre 2017

Back ECONOMIA Categorie Consumatori Cresce in Italia il Commercio Virtuale, ma le Conoscenze Informatiche Sono Ancora Piuttosto Basse

Cresce in Italia il Commercio Virtuale, ma le Conoscenze Informatiche Sono Ancora Piuttosto Basse


europaelettronibigli1709.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Secondo i dati presentati dalla Camera di Commercio di Milano, gli acquisti online da parte dei consumatori italiani continuano a crescere, così come le attività imprenditoriali online. Sulla base delle statistiche relative al registro imprese del 2009 e del 2010 (primo trimestre) e dei dati Istat relativi all’anno 2010, le aziende che operano nel commercio virtuale di prodotti o servizi, sono cresciute del 7%.
Anche i clienti che hanno acquistato attraverso il web sono aumentati in maniera consistente negli ultimi periodi. Nello specifico il 34% degli acquirenti online acquisterebbe beni o servizi in rete almeno una volta a settimana, il 28% solo in occasione di ricorrenze quali compleanni, anniversari ed altre ricorrenze e l’11% compera in rete senza avere scadenze particolari.
Secondo una ricerca condotta dalla rivista VdG Magazine, i motivi per cui i consumatori sceglierebbero la rete per i propri acquisti sarebbero differenti: il 38% degli intervistati dichiara di comperare online per usufruire di prezzi più vantaggiosi, il 29% per la comodità dell’acquisto ed il 18% per la possibilità di usufruire di un’assistenza continua senza vincoli ed orari.
Il settore più florido per quanto riguarda gli acquisti online è il turismo: il 29% dei consumatori compera infatti in rete pacchetti viaggio, seguito dal settore degli articoli sportivi (27%), da quello riguardante i servizi economico-finanziari, quali le polizze assicurative (23%) e dall’elettronica di consumo (19%).
Nonostante la grande crescita di questo settore, gli italiani sembrano essere ancora poco informati per quanto riguarda la sicurezza degli acquisti e delle transazioni online. Infatti se pur quasi la metà degli intervistati (il 49%) dichiara di ritenere soddisfacente il livello di sicurezza del commercio elettronico, ben 7 cittadini su 10 affermano di non orientarsi ancora a dovere nel mondo dell’e-commerce.
È emblematico, a tal riguardo, il fatto che la maggioranza dei cittadini abbia dimostrato di non conoscere alcuni termini molto utilizzati nel linguaggio del commercio elettronico.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Ad esempio il termine “phishing”, ovvero un’attività informatica illegale finalizzata a catturare dei dati sensibili, è conosciuto da appena il 34% degli intervistati. Analogo discorso per quanto riguarda il termine “crittografia”, ovvero una scrittura in codice basata su chiavi d’accesso, riconosciuto da appena il 44% degli intervistati, ed il termine “firewall”, dispositivo di protezione del pc, conosciuto dal 41% degli italiani.
Piuttosto buffe alcune interpretazioni di significato che gli intervistati hanno conferito, erroneamente, ai termini in questione, a conferma del fatto che il livello di conoscenza informatica è ancora mediamente piuttosto basso. Il phishing è stato definito ad esempio come un tipo di pesca dal 29% degli intervistati, la crittografia sarebbe per il 22% degli una tecnica artistica ed il firewall sarebbe invece un dispositivo antincendio.

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed