Mercoledi, 24 Ottobre 2018

Back ECONOMIA Categorie Consumatori LE TARIFFE CRESCONO PIÙ DELL'INFLAZIONE,MALE ACQUA,RIFIUTI E TRASPORTI,IN CALO I COSTI PER L'ENERGIA

LE TARIFFE CRESCONO PIÙ DELL'INFLAZIONE,MALE ACQUA,RIFIUTI E TRASPORTI,IN CALO I COSTI PER L'ENERGIA


tariffe09mineconoart.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.
Le Tariffe Crescono più dell'Inflazione, Male Acqua, Rifiuti e Trasporti, in Calo i Costi per l'Energia | Famiglie | Imposte Locali |

Il Ministero dell’Economia ha reso noti i dati relativi alle tariffe per l’anno 2009, evidenziando come pressoché in tutti i settori si siano registrati degli aumenti, a carico dei cittadini. Gli incrementi percentuali registrati nelle svariate tipologie di tariffe, dunque, risultano in controtendenza rispetto all’evoluzione complessiva dell’inflazione in Italia, e lo stesso Ministero dell’Economia ammette che il trend delle tariffe sta seguendo una tendenza opposta rispetto all'economia. L'inflazione, infatti ha fatto registrare valori tra i più bassi degli ultimi quarant'anni, mentre le tariffe hanno viaggiato in controtendenza.
Non è un caso, dunque, se nel 2009 si è registrato un drastico calo dei consumidrastico
calo dei consumi. Le famiglie, infatti, hanno non solo dovuto far fronte agli effetti della crisi sui redditi e sull'occupazione, ma anche sopportare maggior esborsi per il pagamento delle tariffe, sia per quanto riguarda le imposte nazionali e locali. Abbiamo visto recentemente come secondo I dati del Ministero dello sviluppo economico le spese per i servizi e le imposte locali strettamente legate al territorio rappresentino il 5,5% del reddito delle famiglie italiane5,5%
del reddito delle famiglie italiane , poco più del 10% se si considerano anche i costi di elettricità e gas10%
se si considerano anche i costi di elettricità e gas.
Il rincaro delle tariffe a livello generale è stato nel 2009 pari al 1,3%, un dato che non fotografa in modo  univoco la situazione perchè comprende anche il calo delle tariffe energetiche. Depurando la percentuale dalle componenti energetiche, il 2009 ha fatto registrare un aumento complessivo delle tariffe pari al 2,5%, circa un punto e mezzo in più rispetto all'indice generale dei prezzi.
Scorrendo i dati si nota come alcune tariffe abbiano registrato degli aumenti veramente esosi; tra queste, spiccano senza dubbio le tariffe dei traghetti (+7,3%), quelle dei biglietti dei treni (+4,6%), dei servizi postali (+5,6%) e dei biglietti di ingresso ai musei (+4,4%); particolarmente colpito da questo genere di aumenti è stato senza dubbio, dunque, il turismo.
Altri aumenti piuttosto considerevoli si sono registrati per altri esborsi: quelli relativi all’acqua potabile, ad esempio, che si avvicinano al +6%, così come le tariffe per la raccolta dei rifiuti urbanitariffe
per la raccolta dei rifiuti urbani, con un +4,5%. A tal proposito ricordiamo come però questi valori risultino già in aumento anche negli anni precedenti alla crisi, come evidenziato dall'indagine dell'Ufficio Studi della Confargianato sull'andamento delle tariffe in Italia ed in EuropaUfficio
Studi della  Confargianato sull'andamento delle tariffe in Italia
ed in Europa.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Nell’indice generale prezzi (Nic) spiccano anche gli aumenti relativi ai pedaggi autostradali (+2,9%), che abbiamo visto nei giorni scorsi interessati da una nuova operazione rincaro nuova
operazione rincaro (momentaneamente sospesa), al canone Rai (+1,4%),all'istruzione secondaria (+3,9%), all'istruzione universitaria (+2,9%), alle assicurazioni R.C. (+2,9%) e ai servizi finanziari (+3,1%).
Tra le poche tariffe che nell’anno 2009 hanno registrato delle diminuzioni, invece, si segnalano i voli aerei nazionali, con una percentuale decisamente evidente (-19,6%), le tariffe per consumi elettricitariffe
per consumi elettrici (-1,9%), gas di erogazione (-1,5%); un lievissimo calo è stato registrato anche per quanto riguarda il trasferimento di proprietà (-0,1%).
Ovviamente, finchè la condizione economica delle famiglie non miglioreràcondizione
economica delle famiglie non migliorerà, l’aumento delle tariffe sarà da considerarsi particolarmente negativo non solo per i cittadini, ma anche per l’economia nazionale nel suo complesso, la quale dovrà inevitabilmente fare i conti con un calo dei consumi già molto evidente negli ultimi anni.

   


Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

CREDIT
Si ringrazia l'utente Peter GerdesPeter
Gerdes di flickr per l'immagine



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed