Venerdi, 24 Novembre 2017

Back CREDITO Categorie Credito Frodi Creditizie: un Fenomeno Che Non Conosce Crisi

Frodi Creditizie: un Fenomeno Che Non Conosce Crisi


Frodi creditizie, Credito, CRIF

Il fenomeno delle frodi creditizie in Italia ha assunto dimensioni preoccupanti e risulta in continua evoluzione. A sostenerlo è l'ultima edizione dell'Osservatorio sulle frodi creditizie realizzato dal CRIF, secondo cui nello scorso anno i casi di frode nel nostro Paese sono stati circa 22.100 in lieve aumento rispetto al 2010, ma in uno scenario di forte contrazione del numero di finanziamenti richiesti dalle famiglie (-19% mutui e -4% i prestiti).
La frode creditizia si sostanzia mediante furto di identità e conseguente richiesta di credito utilizzando illecitamente i dati identificativi carpiti o utilizzando false identità. Una frode su quattro, spiega il CRIF, ha prodotto un bottino superiore a 10 mila euro, mentre quelle di importo inferiore ai 3 mila euro sono cresciute del 10% rispetto al 2010. Questa crescita si deve anche al fatto che i finanziamenti di importo piccolo sono quelli che si caratterizzano per tempi di erogazione più rapidi e controlli meno sofisticati.

Anche per l'anno in corso le aspettative sono tutt'altro che rosee, anzi ci si aspetta un escalation di frodi effettuate con tecniche sempre più sofisticate, ad esempio utilizzando congiuntamente strumenti di finanziamento e di pagamento cross-market per un veloce riciclaggio. La tipologia di finanziamenti più oggetto di frodi creditizie è quella dei prestiti finalizzati (nel 79,4% dei casi), percentuale in crescita di 6,9 punti rispetto all'anno precedente. Stabile è invece la quota di frodi sui prestiti personali, per il fatto che questi finanziamenti richiedono istruttorie automatizzate più approfondite da parte degli Istituti di credito in fase di accettazioni.

Ma se non crescono nel numero, le frodi creditizie in questo campo vedono aumentare dell'8,1% l'importo medio che arriva a superare i 13.300 euro. Contenuta è l'incidenza delle frodi connesse sui mutui ipotecari, anche se l'importo medio in questo caso arriva a 74 mila euro e tocca punte superiori ai 150 mila euro. In calo è invece l'importo medio delle frodi creditizie perpetrate su carte di credito che raggiunge i 2.500 euro.
Sul fronte dei tempi di scoperta delle frodi, il CRIF sottolinea che si sono allungati ulteriormente. Infatti sono nel 26,2% dei casi la frode viene scoperta entro i primi sei mesi, mentre nel 31,9% dei casi è necessario un tempo compreso tra i 6 mesi e i 2 anni. Nel 30% dei casi la truffa viene intercettata addirittura dopo 3 anni da quanto è stata messa in atto.
É chiaro che più i tempi di scoperta della frode sono lunghi, maggiori diventano le difficoltà per individuare l'autore del crimine.
Per quanto riguarda il genere dei soggetti che sono vittime delle frodi creditizie, il 66,8% del totale risulta essere maschio, ma rispetto alla rilevazione precedente la quota di donne colpite dal fenomeno risulta in fortissima crescita (+25%).
Infine rileva il CRIFCRIF, il 27% di coloro che sono stati colpiti da frodi nello scorso anno appartenevano alla fascia di età 31-40 anni, anche se è quella degli under 30 ad aver subito un maggior incremento di casi rispetto al passato.
 
Valore Conto 468 x 60
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Investimenti

  • Prestiti

Assicurazioni

assicurazioni

Green Economy

greeneconomy

Innovazione

Innovazione

Politica e Società

ingranaggi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed