Mercoledi, 13 Dicembre 2017

Back CREDITO Categorie Credito Microcredito: la Strategia Vincente per Uscire Dalla Crisi

Microcredito: la Strategia Vincente per Uscire Dalla Crisi


microcredito, stretta del credito, piccole imprese, crisi

La situazione per le imprese a causa della crisi è particolarmente drammatica, soprattutto per quelle di piccola dimensione che costituiscono l'ossatura del Paese e che manifestano problemi nell'accesso al credito. A sottolineare la situazione ci ha pensato il Censis, secondo cui uscire dalla recessione implica investimenti a tutto campo in innovazione, ma soprattutto sostenere le imprese di piccole dimensioni.
Secondo quanto riportato tra il 2009 e la fine del 2011 sono state avviate complessivamente 33 mila procedure di fallimento, riguardanti in gran parte strutture di piccole e piccolissime dimensioni. Rispetto a prima della crisi si contano 13 mila imprese in meno e il tasso di sopravvivenza delle imprese costituite nel 2006 è del 58% contro il 63% dei primi anni 2000.
Negli ultimi 8 mesi il Censis ha rilevato che più del 70% delle imprese ha gravi difficoltà nel recupero dei crediti commerciali e ha perciò gravi problemi di liquidità.

Inoltre più della metà ha rapporti abbastanza difficoltosi con le proprie banche di riferimento per quanto riguarda l'accesso al credito. Infatti, i casi di ottenimento del credito si sono ridotti dall'86% del 2007 al 78% attuale, nonostante la forte iniezione di liquidità da parte della BCE. Tra dicembre 2011 e febbraio 2012 i prestiti alle imprese si sono ridotti di oltre 16 miliardi di euro, una situazione che in assenza di interventi rischia di diventare strutturale per il sistema Italia.

Per il Censis occorre attenuare subito questa fase di stretta del credito attraverso un maggior ricorso a strutture e reti di garanzia, come i confidi, fino a interventi come il microcredito per le imprese di piccole dimensioni in difficoltà. Quest'ultima può rivelarsi una misura vincente visto che il nostro Paese è all'avanguardia per esperienze di micro finanza sia con strumenti di credito, che di micro-leasing che ancora con formule di garanzia assicurative.
In un economia sociale solo un ente pubblico può occuparsi delle fasce più deboli, come l'Ente nazionale per il microcredito, che opera sotto l'alto patronato della Presidenza della Repubblica.
Nell'ottica della spending review, il microcredito rappresenta per il Censis uno dei pochi strumenti anticiclici di autoimpiego, in grado di trasformare disoccupati in contribuenti attivi.
La dimostrazione della bontà dello strumento viene dal fatto che l'Ente, a fronte di 3 milioni di risorse destinate per il suo funzionamento tra il 2010 e il 2012, è stato in grado di assicurare fondi a valere su progetti comunitari per un importo triplo al valore stanziato.
Nel commentare i dati, il presidente del Censis, Giuseppe De Rita, ha sottolineato che, a suo giudizio sia un bene la scelta di procedere con la spending review, ma che è auspicabile incentivare e promuovere strutture ed enti come quello nazionale per il microcredito.
Valore Conto 468 x 60

RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

 

CREDIT
Tax CreditsTax Credits by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Investimenti

  • Prestiti

Assicurazioni

assicurazioni

Green Economy

greeneconomy

Innovazione

Innovazione

Politica e Società

ingranaggi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed