Martedi, 21 Novembre 2017

Credito

Credit Crunch: per la BCE è Già Realtà

credit crunch, finanziamenti, imprese, banche, bceLa Banca Centrale Europea ha commissionato un sondaggio che ha coinvolto un campione nutrito di banche e istituti finanziari del Vecchio continente. Lo scopo è stato quello di verificare le condizioni del credito, l’esistenza di una situazione di credit crunch (stretta sul credito) e le prospettive per i prossimi mesi. I risultati si riferiscono tutti al quarto trimestre del 2011, periodo in cui è stato realizzato il sondaggio.
Ebbene, si evince che le banche stanno operando – forse loro malgrado, forse no – un’azione di credit crunch nei confronti di chi richiede il credito. In breve, le condizioni attraverso cui si erogano i prestiti e si fa credito ai soggetti (imprese, famiglie, istituzioni) si sono inasprite e questo ha generato un calo di domanda generale alle banche.

Add a comment

Banchieri e Top Manager Più Ricchi Anche Con La Crisi. Ecco Il Perché

banchieri, top manager, stipendio, ceoA quattro anni dallo scoppio della crisi, con i parametri economici ancora lontani dai livelli del 2008 (disoccupazione, Pil), notizie come queste rischiano di aumentare l’allarme sociale. Niente che non si sapesse già, o per lo meno non si sospettasse, ma fa comunque indignare: gli stipendi dei banchieri e dei top manager continuano a crescere. Inarrestabili e senza freni.
Qualche ostacolo a questa ingiustificata lievitazione dei prezzi ha cercato di porlo Barack Obama, ma ha fallito. E non ora, con le baionette dei repubblicani puntate sia al Senato che al Congresso, ma due anni fa, quando aveva la maggioranza piena. La sua idea era semplice e, in fin dei conti, di buon senso: l’istituzione per via legislativa di un tetto di retribuzioni e compensi dei banchieri e dei top manager. All’epoca si scatenò un putiferio, con lamenti persino tra i democratici.

Add a comment

Credito Al Consumo: Irregolare il 70% Dei Siti Europei, in Italia l'80%

credito al consumo, Unione Europea, crisi, famiglieNei momenti in cui la crisi si fa più sentire solitamente aumentano anche le offerte di finanziamenti da parte di soggetti economici che offrono credito al consumo per il sostegno dei bisogni personali delle famiglie. Purtroppo dentro i contratti (o la semplice pubblicità) che offrono questi soggetti finanziari, siano essi relativi a prestiti, dilazioni di pagamento o cessione del quinto, non sempre vige la massima trasparenza e spesso sono presenti irregolarità. Questo non solo in Italia, dove la situazione è stata spesso segnalata dalle associazioni dei consumatori, ma anche nel resto dell'Unione Europea. Nello specifico un'indagine condotta dalla Commissione Europea, tramite le competenti autorità nazionali, nei 27 Paesi Membri più Norvegia ed Islanda, ha dimostrato che su 562 siti web che offrono credito al consumo, ben 393 (il 70%) richiedono ulteriori indagini di approfondimento per verificare la presenza di “presunte violazioni delle regole europee sulla protezione dei consumatori”

Add a comment

Il Prossimo Biennio Sarà Caratterizzato da Contrazione Del Pil e Difficoltà Sul Mercato Del Lavoro

Abi, banche, Pil , lavoroIl prossimo biennio si preannuncia molto difficile per i Paesi dell'Eurozona ed in particolare per l'Italia a causa di una riduzione ulteriore della crescita mondiale ed ad un acuirsi delle tensioni sui titoli sovrani Europei. Sono questi alcuni degli elementi del Rapporto di previsione AFO-Financial Outlook 2011-2013 diffuso dall'Abi, secondo il quale lo scenario per l'Italia sarà particolarmente duro. Questo a causa del prefigurarsi di una recessione per il 2012, aspetto peraltro in linea con le previsioni di Confindustria e Ocse a cui seguirà un 2013 di sostanziale stagnazione dei principali indicatori economici. Nello specifico la crescita del Pil italiano non supererà lo 0,6% quest'anno, subirà una contrazione dello 0,7% nel 2012 per poi ritornare leggermente positivo nel 2013 (+0,3%).

Add a comment

Riserva Frazionaria: Tenere i Soldi Sui Conti in Banca È Sicuro?

Salvadanaio, conto corrente, bancaIn tempi di crisi e instabilità economica, molti risparmiatori, grandi e piccoli, si chiedono se tenere i soldi in banca sia davvero sicuro. Nel clima generale di sfiducia potrebbe venirvi in mente di ritirare i soldi dal conto per investirli in altra maniera. Ma è un fatto piuttosto noto che ritirare i risparmi dal proprio conto, anche quando non si tratta di soldi vincolati, non è sempre un’operazione agevole. Quel che emerge chiaramente è che le banche non sono ben disposte verso questo tipo di operazioni: certamente perché per loro significa rinunciare ad un cliente, ma non solo. La verità sta nella riserva frazionaria, un istituto legale sebbene per alcuni sia moralmente discutibile.

Add a comment
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Investimenti

  • Prestiti

Assicurazioni

assicurazioni

Green Economy

greeneconomy

Innovazione

Innovazione

Politica e Società

ingranaggi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed