Mercoledi, 18 Ottobre 2017

Back CREDITO Categorie Credito Arbitro Bancario Finanziario: Nel 61% Dei Ricorsi Decisioni Favorevoli Ai Clienti

Arbitro Bancario Finanziario: Nel 61% Dei Ricorsi Decisioni Favorevoli Ai Clienti


Arbitro bancario finanziario, Bankitalia, Conciliazione, banche
L'’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) è un sistema ADR (Alternative Dispute Resolution) che fornisce ai clienti, insoddisfatti delle risposte degli uffici reclami delle banche e delle società finanziarie, un modo semplice, rapido ed economico per risolvere la controversia in atto, in maniera stragiudiziale. Si tratta di uno strumento molto importante, operante dal 15 ottobre 2009, che ha incontrato via via sempre maggior successo tra i consumatori.
A riferirlo è la "Relazione sull'attività svolta dall'Arbitro Bancario FinanziarioRelazione sull'attività svolta dall'Arbitro Bancario Finanziario", predisposta dalla Banca D'Italia in cui viene fatto un bilancio delle attività svolte da questo organismo nel primo anno di attività. Vediamo più in dettaglio come è andata.

Il Bilancio, recita la relazione, è da considerarsi positivo, in quanto: “Il numero complessivo dei ricorsi presentati pone in luce come l'’istituzione dell’'ABF abbia corrisposto a un bisogno effettivo della clientela”. Nello specifico al 31 dicembre 2010 sono stati presentati complessivamente 3.409 ricorsi e risultano adottate 1.788 decisioni, che nel 61% dei casi sono state favorevoli alla clientela. Una clientela fatta soprattutto di persone fisiche che hanno presentato il 75,8% dei ricorsi, mentre risulta minore la propensione delle imprese a ricorrere al sistema ABF, forse anche perchè le controversie sottoponibili a questo organismo hanno un limite massimo per quanto riguarda le richieste monetarie di 100 mila euro. A livello territoriale i ricorsi maggiori sono risultati provenire dal Centro con un rapporto di 93,5 unità per milione di abitanti residenti, contro una media italiana di 65,4. Segue il nord con 63,9 e il Mezzogiorno con 44,6 unità per milione di abitanti.
L'80,2% dei ricorsi ha interessato le banche, soprattutto per quanto riguarda i conti correnti (21,6% del totale dei ricorsi) e mutui (16%).

Sono risultati significativi anche i ricorsi in materia di strumenti e servizi di pagamento (complessivamente il 21,2%) e di segnalazioni alla Centrale di allarme interbancaria e ai Sistemi di informazione creditizia (8,8%).
Il 34% delle procedure si sono concluse con una decisione di accoglimento in tutto o in parte delle ragioni del cliente-ricorrente, mentre nel 27% dei casi è cessata la materia del contendere, ovvero, non l'ABF non è giunto a decisione nel merito perchè, nel frattempo, cliente e intermediario sono giunti ad un accordo giudicato soddisfacente dal cliente. 
Un fatto, quest'ultimo, che testimonia anche la capacità dell'Arbitro Bancario Finanziario di promuovere comportamenti cooperativi negli intermediari anche prima che il ricorso giunga a decisione. Il 31% dei ricorsi presentati per i quali è stata assunta una decisione è stato respinto, perché il Collegio ha ritenuto infondate o non adeguatamente provate le ragioni dei clienti mentre l'8% è stato giudicato irricevibile. 
La relazione sottolinea anche come non si siano registrati casi di inadempimento, una volta che l'ABF ha assunto una decisione, confermando da un lato l’'effetto dissuasivo della misura prevista in caso di inottemperanza (pubblicazione della notizia) e, dall’'altro, la sostanziale condivisione da parte degli intermediari degli orientamenti assunti. 

Valore Conto 468 x 60

RISORSE:

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Investimenti

  • Prestiti

Assicurazioni

assicurazioni

Green Economy

greeneconomy

Innovazione

Innovazione

Politica e Società

ingranaggi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed