Venerdi, 24 Novembre 2017

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie Edilizia Gli Edifici Sono Responsabili Del 53% Dei Consumi Elettrici e Del 35% di Quelli Energetici

Gli Edifici Sono Responsabili Del 53% Dei Consumi Elettrici e Del 35% di Quelli Energetici


consumi energetici, edilizia, Classe energetica

In Italia gli edifici sono i responsabili di una grossa fetta dei consumi energetici italiani e delle emissioni di Gas serra. Infatti i consumi legati all'edilizia rappresentano circa il 53% dei consumi elettrici e il 35% di quelli energetici. A rilevarlo è l'ultima edizione di “Tutti in classe A”, la campagna di Legambiente che ha l'obiettivo di mettere in luce l'importanza dell'efficienza energetica in edilizia, un concetto troppo spesso trascurato.
Per Legambiente i cittadini hanno tutto il diritto di conoscere al meglio, grazie alla certificazione energetica, come è progettato il proprio appartamento, inoltre, spiega l'associazione, bisogna impegnarsi perchè i nuovi edifici siano costruiti per essere in Classe A, in quanto non esiste alcuna ragione economica o tecnica per cui ciò non avvenga. Infatti l'incidenza sul costo di costruzione di un edificio in Classe A rispetto ad un edificio tradizionale varia dal 5 al 10%.

Un'incidenza bassa sul prezzo finale dell'edificio, considerando che il costo di costruzione è di circa 1000 euro a metro quadro. Inoltre in queste case la riduzione annua delle spese di riscaldamento e raffrescamento risulterebbe compresa tra i mille e i 2 mila euro, a dimostrazione che costruire in Classe A conviene sia per i costruttori che godrebbero di un maggiore appeal per i propri edifici, sia per gli acquirenti per i risparmi realizzabili.

Per raggiungere gli obiettivi previsti dall'Europa in termini di efficienza energetica che prevedono che dal 2021 tutti i nuovi edifici debbano essere neutrali da un punto di vista energetico, ovvero garantire prestazioni di rendimento tali da non avere bisogno di apporti per il riscaldamento e il raffrescamento (oppure di soddisfarli tramite rinnovabili), Legambiente propone tre strade:
  • L'introduzione di regole omogenee in tutta Italia per la certificazione e soprattutto, i controlli sugli edifici e le sanzioni per chi non rispetta le regole per la progettazione, costruzione e certificazione.
  • L'introduzione per i nuovi edifici e per le ristrutturazioni edilizie oltre una certa dimensione dello standard minimo obbligatorio di Classe A
  • L'introduzione di incentivi specifici per il miglioramento della classe energetica di appartenenza effettuato durante le ristrutturazioni edilizie, così da dare certezza agli interventi di riqualificazione energetica degli edifici.
L'indagine di Legambiente è andata ad analizzare 200 edifici in 21 città, il doppio rispetto alla campagna dello scorso anno, mettendo in luce, grazie a foto termografiche quali sono gli elementi positivi e negativi del patrimonio edilizio italiano. Queste foto, infatti, consento di capire come sono costruiti gli edifici sotto il profilo dell'isolamento termico.
I risultati dell'indagine, visibili nel rapporto “Tutti in Classe ATutti in Classe A” hanno mostrato che su 91 edifici costruiti dopo il 2000, quasi tutti sono risultati “nuovi e già vecchi”, ovvero bocciati quanto a prestazioni energetiche. A colpire è il fatto che persino edifici progettati da architetti di fama internazionale e costruiti negli ultimi dieci anni mostrano una mancanza di attenzione alla questione energia, con difetti nelle superfici perimetrali ed elementi disperdenti nelle strutture portanti.
 
Attivati subito
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Case ed Immobili 

immobili

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed