Lunedi, 18 Giugno 2018

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie Edilizia AGENZIA ENTRATE: AGGIORNAMENTO GUIDA SULLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

AGENZIA ENTRATE: AGGIORNAMENTO GUIDA SULLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE


agefiscristedi2011.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

L'Agenzia delle Entrate dopo aver pubblicato l'update della guida alle agevolazioni fiscali per il risparmio energeticoguida
alle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico, ritorna con un nuovo aggiornamento di uno dei suoi “best seller” della serie “l'Agenzia informa”. Si tratta della revisione della Guida alla agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizieGuida
alla agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie pubblicata dall'Amministrazione Fiscale due anni fa. La nuova versione aggiornata a ottobre 2010, descrive i metodi per poter utilizzare al meglio gli sconti d'imposta previsti per gli interventi di recupero edilizio.
Questo pacchetto di interventi era stato introdotto per la prima volta nel 1998 e prolungato dalla legge finanziaria per il 2008 fino a fine 2010. La legge finanziaria 2010 ha esteso la proroga fino al 31 dicembre 2012 sia per la detrazione del 36% delle spese sostenute per i lavori di recupero del patrimonio edilizio, che per la detrazione d’imposta sull’acquisto di immobili ristrutturati da imprese di costruzione o ristrutturazione o da cooperative.
Si tratta di misure importanti e di assoluto successo, visto che, come sottolinea la stessa Agenzia delle Entrate dal 1998 ad oggi sono state richieste ben 4,3milioni di agevolazionidal
1998 ad oggi sono state richieste ben 4,3milioni di agevolazioni, di cui 280 mila solo nei primi 7 mesi del 2010 (+12% su base annua).
Nell'aggiornamento della guida sono esposte in dettaglio le istruzioni per poter utilizzare al meglio le principali agevolazioni fiscali previste per gli interventi di recupero edilizio. Vediamo in sintesi quali sono queste agevolazioni


DETRAZIONE IRPEF PER I LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE
I contribuenti hanno la possibilità di detrarre dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) le spese sostenute fino al 31 dicembre 2012 per la ristrutturazione immobili ad uso abitativo. Il beneficio sul quale calcolare la detrazione del 36% spetta fino al limite massimo di spesa di 48 mila euro (per unità immobiliare) da suddividere in dieci anni.
Si tratta di una detrazione d'imposta e non di un rimborso per cui i contribuenti hanno diritto a a detrarre annualmente la quota spettante nei limiti dell’imposta dovuta per l’anno in questione


L’IVA SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE
La Finanziaria 2010 ha disposto che il regime agevolato dell'Iva diventi permanente, mentre in precedenza era stato fissato il termine al 31 dicembre 2011. L'Agevolazione prevede l'applicazione dell'Iva ridotta al 10% per le prestazioni di servizi relativi a interventi di manutenzione, ordinaria e straordinaria, realizzati su immobili residenziali. Per usufruire dell’agevolazione, a differenza di ciò che si prevede per la detrazione del 36% e del 55% per il risparmio energetico, non occorre indicare in fattura il costo della manodopera utilizzata.



COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



LA DETRAZIONE IRPEF PER GLI ACQUIRENTI E GLI ASSEGNATARI DI IMMOBILI RISTRUTTURATI
La legge Finanziaria ha prorogato la detrazione Irpef del 36% relativa agli interventi di ristrutturazione, riguardanti interi fabbricati, eseguiti dal 1° gennaio 2008 al 31 dicembre 2012 da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedano alla successiva alienazione o assegnazione dell’immobile entro il 30 giugno 2013.
In questo caso l'acquirente o l'assegnatario ha diritto alla detrazione Irpef del 36% calcolata sull'ammontare forfettario pari al 25% del prezzo di vendita o di assegnazione dell’abitazione, risultante dall’atto di acquisto o di assegnazione.
La spesa su cui calcolare la detrazione non può comunque eccedere l’importo massimo di 48.000 euro e deve essere ripartita in 10, 5 o 3 rate annuali di pari importo


LA DETRAZIONE IRPEF DEL 19% DEGLI INTERESSI PASSIVI SUI MUTUI
L'agevolazione consiste nella possibilità di detrarre dall'Irpef il 19% degli interessi passivi e i relativi oneri accessori pagati sui mutui ipotecari, per la costruzione e/o la ristrutturazione dell’abitazione principale. L’importo massimo sul quale va calcolata la detrazione del 19% è pari a 2.582,28 euro complessivi per ciascun anno d’imposta.


Nella guida è presente anche una parte molto interessante (capitolo 5) in cui vengono elencati tutti i principali tipi di interventi ammessi alla detrazione Irpef del 36% , sia .per quanto riguarda le singole unità abitative che le parti condominiali.
L'aggiornamento della guida alla agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie può essere scaricata sul sito dell'Agenzia delle Entrate, tra le guide fiscali, oppure direttamente a questo indirizzoquesto
indirizzo.

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

468x60_spesa


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Case ed Immobili 

immobili

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed