Martedi, 21 Novembre 2017

Energia

MERCATO ENERGIA: DOPO DUE ANNI COMINCIANO A VEDERSI I BENEFICI DELLA LIBERALIZZAZIONE

energia | Page 10

liberaenergia010.gifSono passati due anni ormai da quando è stato aperto il nuovo mercato free dell’energia: solo adesso secondo un’indagine condotta dal CREEF, ovvero il centro ricerche economiche educazione e formazione della federconsumatori, le famiglie italiane potrebbe effettivamente vedere i primi risparmi. Ecco come finalmente la concorrenza comincia a riscontrare i primi commenti positivi, soprattutto nell’ottica del consumatore. L’indagine della “commissione” della Federconsumatori, è stata eseguita esaminando un campione di 20 città, tutte capoluogo, sfruttando un particolare sistema, messo a disposizione dall’Autorità per l’Energia, ovvero il “Trova offerte”, ma anche scegliendo tra le varie offerte presenti sul mercato. I dati statistici affermano che una percentuale molto bassa (il 7%) delle famiglie italiane, ha preso la decisione di cambiare azienda elettrica, spostandosi verso il mercato libero. Questa notizia rafforza molto il pensiero di Federconsumatori, secondo cui le famiglie cambiano operatore, nel momento in cui il passaggio assicuri un buon risparmio, di almeno due cifre percentuali.

Add a comment

IN CALO LE BOLLETTE DI ENERGIA E GAS

enelgasbot.gifL'Autorità per L'Energia e il Gas ha reso noto, attraverso un comunicatocomunicato, che da domani 1 aprile le bollette di elettricità e gas, subiranno una diminuzione delle condizioni economiche, pari al 2% per l'energia elettrica e del 7.5% per il gas. Nonostante la data scelta, possa far storcere il naso, vi assicuro che non si tratta affatto di uno scherzo, ma di una buona notizia per le famiglie, che potranno così arrivare a risparmiare circa 92 euro, su base annua (9,4 euro in meno per energia elettrica e 83 euro per il gas). Ad un risparmio del genere, calcolato in un 6% su base annua, si aggiunge anche il calo del Gpl distribuito in rete (-5%), che garantisce, una minor spesa di 35 euro su base annua, sempre in riferimento alla famiglia tipo. Queste ribassi si aggiungono a quelli fatti registrare a gennaio 2009 (-5,1% elettricità. -1% gas) e derivano dalle diminuzione del prezzo del petrolio, fatte registrare nei mesi scorsi. Potremmo dire che queste riduzioni rappresentano l'altra faccia (magra) della crisi, che se da un alto ha portato le famiglie a ridurre i propri consumi e in molti casi a far fronte alla perdita del lavoro (disoccupazione), dall'altra parte ha portato al rallentamento della crescita dei prezzi (inflazione).

Add a comment

ANTICRISI: ARRIVA IL BONUS ENERGIA PER LE FAMIGLIE

bonuselettrico.gifTorniamo a parlare di Energia su Blogrisparmio, per presentare nel dettaglio : “il bonus elettrico”, ovvero la manovra di sostegno delle famiglie predisposta dal Ministero dello Sviluppo Economico. Il Bonus riguarda famiglie a basso reddito, famiglie numerose e ammalati che utilizzano apparecchiature elettromedicali e consiste nella possibilità di ottenere uno sconto sulle bollette compreso tra i 60 e 150 euro l'anno e retroattivo da gennaio 2008. Questo Bonus elettrico si inserisce in una serie di manovre anticrisi a sostegno dei consumatori e in particolare delle famiglie, predisposto dal Ministero dello Sviluppo Economico, in collaborazione con l'Autorità per l'Energia e il Gas, che vedrà entro l'estate il varo anche di un bonus gas, con modalità alquanto simili. Hanno diritto al bonus tutti i consumatori intestatari di una fornitura elettrica relativa alla propria abitazione di residenza, che fanno parte di un nucleo familiare con indicatore ISEE (indicatore di situazione economica equivalente) non superiore a 7500 euro e potenza impegnata fino a 3kW, se il numero di familiari con la stessa residenza è inferiore a 4, fino a 4,5 kW se il numero di familiari è superiore a 4. Hanno altresì diritto al bonus i consumatori, presso i quali vive un ammalato grave che ha necessità di usare macchine elettromedicali per il mantenimento in vita. Da ultimo sono beneficiari del bonus, le famiglie numerose con 4 o più figli a carico e ISEE non superiore a 20000 euro, soli in riferimento alla casa di residenza con potenza impegnata fino a 4,5 kW. Distinguendo le due situazioni in situazioni di disagio economico, relative alle famiglie con basso reddito e in situazioni di disagio fisico, relative ad ammalati gravi che utilizzano apparecchi elettromedicali, vengono riconosciute le seguenti somme bonus.

Add a comment

ITALIA UN NUCLEARE CHE NON CONVINCE E FA DISCUTERE

energia nucleareE' di qualche giorno l'accordo tra il presidente del consiglio italiano Silvio Berlusconi e il suo omologo francese Nicolas Sarkozy, attraverso il quale l'Italia ritornerà a percorrere la via dell'energia Nucleare. In senso stretto l'accordo prevederà la costruzione di quattro centrali nucleari di terza generazione, con tecnologia francese Epr, da 1.660 megawatt l'una, la prima delle quali in funzione dal 2020. L'obiettivo di questo accordo è quello di ridisegnare le vie di approvvigionamento energetico del nostro paese, riuscendo a coprire (almeno teoricamente) entro il 2030 il 25% dei nostri consumi elettrici. L'accordo ha suscitato svariate polemiche in tutti i livelli della comunicazione e della politica,soprattutto in merito alla scelta dei siti dove costruire le centrale atomiche. Nessun amministratore locale le vuole, anzi c'è persino chi , come Cappellacci, neo governatore della Sardegna e delfino di Berlusconi, annuncia che dovranno passare sul suo corpo per costruire le centrali in sardegna. Va poi capito quale sia la volontà degli italiani in merito alla questione, visto che un referendum popolare del 1987 bocciò il nucleare in Italia, mentre, più recentemente, la campagna elettorale di Berlusconi alle ultime elezioni, incentrata anche sulle necessità del ritorno all'atomo, ha riscosso largo consenso. In realtà i dubbi circa l'utilità di questo ritorno al nucleare sono molteplici, a partire proprio dall'analisi di costo dell'operazione di costruzione delle centrali, passando per costi di recupero del gap tecnologico e conoscitivo necessario, fino all'annoso problema dello stoccaggio delle scorie.

Add a comment

GAS: DALLA CRISI ENERGETICA ALLE POSSIBILI SOLUZIONI

gasrusso.gifIl braccio di ferro tra Russia, Ucraina e Unione Europea sulla fornitura di gas che pareva essersi risolto ieri, ha fatto segnalare una nuova critica puntata nella giornata odierna. L'accordo sottoscritto ieri, infatti, che doveva portare allo sblocco delle forniture del gas russo verso l'Ucraina pare aver tralasciato alcuni aspetti tecnici della questione, ovvero su quale dei due paesi dovesse garantire la funzionalità della rete di fornitura verso l'Europa. La situazione appare di nuovo critica e si presta a diverse valutazioni, soprattutto in riferimento al presente e futuro del sistema energetico del nostro paese. In primo luogo appare chiaro come la politica energetica italiana sia sia dimostrata assolutamente poco lungimirante, soprattutto in relazione al fatto che siamo un paese scarsamente dotato di risorse energetiche proprie. Se a questa situazione strutturale si associa il fato che le politiche strategiche di approvvigionamento, si sono dimostrate più che strategiche volte solamente al mantenimento di adeguati livelli di utili, si capisce come qualsiasi sussulto dei paesi fornitori porta con sé il timore di rimanere a secco, o di dover negoziare nuovi accordi con altri fornitori, in posizione critica. Questo a mio parere, ci porta ad una condizione strutturale di debolezza contrattuale soprattutto in momenti di crisi, o comunque di instabilità politica ed economica globale, come quello che stiamo attraversando. Condizione che viene solamente in parte attenuata dall'importanza politica di uno Stato come l' Italia nel panorama europeo e dall'indiscutibile “peso” economico delle nostre aziende energetiche nello scenario mondiale.

Add a comment
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Eolico

impiantoeolico

Rinnovabili 

eolico

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed