Giovedi, 19 Ottobre 2017

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie News Geotermia: con i Nuovi Impianti Possibili Risparmi in Bolletta per 10 Miliardi

Geotermia: con i Nuovi Impianti Possibili Risparmi in Bolletta per 10 Miliardi


Energia Geotermica, energie rinnovabili, geotermia

Un maggiore sviluppo della geotermia potrebbe portare risparmi per 10 miliardi alla bolletta petrolifera italiana italiana, di cui la metà andrebbero alla produzione di energia. A sostenerlo è stato un rapporto presentato durante un brain storm sulla geotermia organizzato Sigea (Società Italiana di geologia Ambientale) e Ugi (Unione Geotermica Italiana). Questo risultato si potrebbe ottenere sfruttando maggiormente le risorse geotermiche ad alta temperatura con l'ausilio di nuove tecnologie. Un obiettivo non impossibile se si pensa che nel nostro Paese la geotermia conta risorse per 500 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep), pari a 2,5 volte i consumi annui nazionali di elettricità (185 Mtep), ma che vengono sfruttate per solo il 3%, coprendo solo il 7% dei consumi annuali.
Un autentico tesoro non sfruttato, soprattutto in considerazione del fatto che la geotermia è un'energia rinnovabile che presenta caratteristiche di continuità assoluta.  

Secondo Giancarlo Passaleva dell'Ugi basterebbero: “400 milioni di euro per sviluppare nuove tecnologie e far decollare la geotermia come fonte di produzione di elettricità”. Una cifra decisamente modesta considerando i possibili ritorni e gli stanziamenti messi a disposizione per altre forme di energie rinnovabili.

La produzione di energia geotermica in Italia ha radici antiche che risalgono ai primi del '900 in Toscana. Da allora l'impiantistica si è evoluta, soprattutto negli ultimi 20 anni e si è arrivati ad una produzione di energia geotermica pari a circa 5,3 miliardi di kWh all'anno, un po' meno del 2% della produzione elettrica nazionale.
Secondo i ricercatori e gli esperti, però, l'Italia con l'utilizzo di sistemi non convenzionali come ad esempio sistemi a rocce calde secche, sistemi magmatici, sistemi geopressurizzati, sistemi a fluidi supercritici, sistemi a salamoie calde potrebbe fare un incredibile balzo in avanti. Entro il 2050 si potrebbe arrivare ad una potenza di 10 mila MW contro gli attuali 880 MW e ad una produzione di energia di 60 miliardi di kWh all'anno contro i 5,3 attuali. Il tutto con benefici ambientali non indifferenti, visto che si risparmierebbero oltre 10 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio, per un valore di 6 miliardi ed emissioni di CO2 pari a circa 36 milioni di tonnellate.
Uno scenario decisamente allettante che prevede, come dicevamo investimenti in ricerca e sviluppo per circa 400 milioni di euro.
Attivati subito
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed