Martedi, 23 Gennaio 2018

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie News Dall'Illuminazione Pubblica Possibili Risparmi per Mezzo Miliardo l'Anno

Dall'Illuminazione Pubblica Possibili Risparmi per Mezzo Miliardo l'Anno


illuminazione pubblica, efficienza energetica, risparmio

Abbiamo già parlato della possibilità di ridurre l'inquinamento luminoso spegnendo le luci delle strade meno trafficate, sottolineando come questa soluzione già utilizzata all'estero potrebbe avere ripercussioni anche sul fronte dei risparmi sulla spesa pubblica. Ed è proprio questo aspetto di cui vogliamo parlare oggi, riproponendo uno studio sul tema effettuato dall'associazione CieloBuio, che da anni si batte contro l'inquinamento luminoso delle città italiane. L'indagine parte da un dato ben preciso: la spesa energetica per la sola illuminazione pubblica risulta essere nel nostro Paese di un miliardo di euro. Cifra a cui vanno aggiunte le spese per la manutenzione dei vecchi impianti e quelle per l'installazione di quelli nuovi. Una cifra enorme, specie in un periodo in cui si cerca in tutti in modi qualche campo dove tagliare la spesa e soprattutto considerato il fatto che l'Italia risulta essere tra i Paesi più spreconi in questo senso, non avendo alle spalle nemmeno grandi risorse per la generazione di energia. 


A livello di consumi pro capite ci posizioniamo con 106 kWh al secondo posto europeo dietro la Spagna (116 kWh) e davanti a Francia (80 kWh), Germania (48 kWh), Olanda e Irlanda (entrambe con 40 kWh).
Questo alto consumo è dovuto in primo luogo al fatto che l'Italia risulta essere la nazione europea (tra quelle prese in considerazione) con il numero più alto di punti luce per KM quadrato per area urbanizzata. Ne possediamo il doppio o più di Francia, Belgio, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Austria e Danimarca.

A ciò si aggiunge il fatto che la potenza media per punto luce è tra le più alte, inferiore solo a Spagna e Belgio e doppia rispetto a quella di Olanda e Gran Bretagna. Il risultato è che il nostro Paese risulta essere quello che consuma di più per superficie illuminata, insieme alla Spagna, con una potenza al metro quadrato doppio di Portogallo e Francia e tripla rispetto a Irlanda, Germania e Olanda. Abbiamo insomma un evidente problema di efficienza energetica a cui possiamo porre rimedio con potenziali risparmi significativi, semplicemente avvicinandoci al livello di nazioni comparabili quali la Germania o la Gran Bretagna. L'associazione ritiene che se facessimo questo potremmo arrivare a risparmiare più della metà di quanto attualmente spendiamo, recuperando circa mezzo miliardo di euro ogni anno e senza dover licenziare nessuno né avere altri danni collaterali.
CieloBuio ha avanzato al Governo tre proposte principali per poter tagliare la spesa pubblica relativa all'illuminazione:
  • lo spegnimento di tutti gli impianti di illuminazione pubblica al di fuori del limite urbano delle città
  • lo spegnimento delle luci per i monumenti e gli edifici storici dopo le 23
  • l'uso a pieno regime dei riduttori di flusso durante l'intero arco della notte e nel caso non siano presenti, attuare durante l'arco della notte lo spegnimento di metà dei punti luce delle strade italiane dopo le 23 (che come abbiamo visto sono il doppio della maggioranza delle nazioni europee).
L'associazione ha avanzato anche ulteriori proposte che potrebbero aumentare ulteriormente i risparmi ottenibili. Le potete leggere sul sito di CieloBuioCieloBuio.
 
Attivati subito


RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed