Domenica, 18 Agosto 2019

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie News Disastro Di Fukushima: Studio Stima 14 Mila Morti Negli Stati Uniti a Causa Delle Radiazioni

Disastro Di Fukushima: Studio Stima 14 Mila Morti Negli Stati Uniti a Causa Delle Radiazioni


Disastro Fukushima, nucleare, radiazioni

Dopo l’incidente nucleare di Fukushima l’economia in Giappone, soprattutto nelle zone più direttamente colpite, stenta a riprendersi. Il Governo ha messo a punto iniziative per sponsorizzare il turismo nel paese arrivando perfino ad offrire biglietti aerei omaggio per il 2012. Dai giorni immediatamente successivi all’incidente tv e giornali ci hanno rassicurato sulla circoscrizione degli effetti del disastro nucleare solo all’interno dei confini giapponesi.
Ma uno studio shock mostra esattamente il contrario. Un articolo pubblicato sulla rivista scientifica “Journal of Health Services”, stima a circa 14 mila le morti provocate negli Stati Uniti d’America, a causa del materiale radioattivo trasportato dai venti. Gli autori dello studio, Joseph Mangano e Janette Sherman, hanno infatti registrato un notevole e sospetto aumento delle morti sul territorio statunitense conseguente al disastro nucleare giapponese di marzo.

I dati sono riferiti ad un periodo di 14 settimane a partire dalla data dell’esplosione. L’andamento non è dissimile da quello che accadde nel 1986, in seguito alla tragedia di Chernobyl: in quell’anno, in 17 settimane, ci fu un incremento della mortalità negli USA di 16.500 morti. Il numero di morti correlate all’incidente nucleare peraltro potrebbe subire ulteriori aggiornamenti se si includono i casi di influenze gravi e polmoniti (moltiplicate di 5 volte nella frequenza).

Si stima che si potrebbe arrivare a 18 mila decessi aggiuntivi rispetto alla media. Tra le vittime più colpite, in entrambi i casi, ci sono neonati fino ad un anno di età. La mortalità infantile nella scorsa primavera infatti ha subito un aumento percentuale dell’1,8%. Questa tendenza peraltro ha fatto registrare un brusco cambiamento in cui lo spartiacque è proprio l’incidente di Fukushima: nelle 14 settimane precedenti infatti le morti infantili erano scese dell’8,3%. Lo studio apre uno scenario inquietante per quanto riguarda lo stato dei fatti della situazione e l’effettiva portata della fuoriuscita radioattiva oltre i confini giapponesi. Dato l’esito della ricerca è chiaro che la traiettoria della nube tossica non è stata ancora individuata con esattezza. Si evidenzia quindi l’esigenza di nuovi studi anche relativamente ai cieli in Europa. L’obiettivo non è quello di creare allarmismi ma di recidere il velo di omertà dei mass media soprattutto giapponesi, che come abbiamo visto hanno fatto di tutto per far credere che i danni del disastro nucleare di Fukushima fossero inferiori a quelli di Chernobyl.
Attivati subito
RISORSE

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

 

CREDIT
x-ray delta onex-ray delta one by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed