Giovedi, 15 Novembre 2018

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie News L'Inquinamento da Azoto Causa Danni Compresi Tra i 90 e i 400 Miliardi di Dollari l'Anno

L'Inquinamento da Azoto Causa Danni Compresi Tra i 90 e i 400 Miliardi di Dollari l'Anno


fertilizzanti, agricoltura, inquinamento azoto

Secondo i dati Eurostat L'Italia è il sesto paese europeo per uso di fertilizzanti sulle superficie agricole, un dato che assume un importante rilevanza, soprattutto in relazione al tipo di fertilizzante utilizzato. Infatti, i fertilizzanti chimici soprattutto di quelli azotati hanno un grande effetto per quanto riguarda lo sviluppo dell'agricoltura ma presentano elevati costi a livello ambientale. Una ricerca in questo senso è stata condotta da Mark Sutton, del Centro di Ecologia e Idrologia del Regno Unito che ha approfondito il ciclo dell'azoto e le implicazioni ambientali nel rapporto “The nitrogen cycle and its influence on the European greenhouse gas balanceThe nitrogen cycle and its influence on the European greenhouse gas balance”.
Secondo quanto riporta il Professor Sutton, l'utilizzo di fertilizzanti azotati (scoperti circa un secolo fa, nel 1909) pur portando benefici alle colture creano una serie di minacce derivante dalle perdite di azoto nell'ambiente.  

L'azoto è un gas inerte, necessario per la vita ma i comportamenti umani stanno modificando questo gas in forme potenzialmente dannose, sovraccaricando l'aria e modificando così il ciclo naturale dell'azoto. Ad esempio l'azoto in eccesso utilizzato nei fertilizzanti (che hanno forma liquida) penetrano nei terreni e possono “contaminare” l'acqua, senza però dimenticare le emissioni di azoto provenienti dall'industria e dai veicoli che hanno dato un forte contributo all'inquinamento dell'aria. Ovviamente il problema non riguarda solamente l'Italia ma tutti i Paesi fortemente industrializzati in cui si può rilevare una modificazione del ciclo naturale dell'azoto.
Il Professor Sutton insieme ad altri 200 scienziati provenienti da 21 Paesi ha provato ha studiare e a calcolare i costi dell'inquinamento da azoto nell'Unione Europea. I risultati sono piuttosto impressionanti e parlano di un valore dei danni da inquinamento compreso tra i 90 e i 400 miliardi di dollari l'anno. Un costo che non colpisce solo l'ambiente ma anche la salute umana.

In particolare l'inquinamento dell'aria da polveri sottili, causato in parte dall'emissioni di azoto accorcia la vita di molti cittadini Europei di oltre un anno. Un dato che non è nuovo ed è stato analizzato anche dall'OMS che per quanto riguarda il nostro Paese ha stimato che ogni cittadino perde in media 9 mesi di vita a causa dell'esposizione al particolato (dati 2006).
Secondo Sutton, inoltre il rapporto dell'Unione Europea ha stimato che i costi dell'inquinamento da azoto nei Paesi membri sono più del doppio del valore che i fertilizzanti azotatati aggiungono al reddito degli agricoltori europei.
Ma il problema non coinvolge solo l'Unione Europea, bensì ha proporzioni globali, in particolare per quanto riguarda gli Stati Uniti, l'America Latina, la Cina e il Sud Est Asiatico.
Il problema viene spesso, però sottovalutato, perchè non ha un forte impatto mediatico, come ad esempio la fuoriuscita di petrolio, tuttavia, sebbene l'impatto ambientale di un evento di questo tipo è altissimo, non va dimenticato che l'eccesso di azoto viene liberato praticamente in ogni momento.
Ridurre l'eccesso di emissioni di azoto è possibile soprattutto per quanto riguarda la produzione di energia, l'attività industriale e i trasporti. Per quanto riguarda l'agricoltura la sfida è più difficile, visto che i fertilizzanti azotati sono ormai parte integrante del processo di coltivazione, ma non impossibile. É necessario cercare di massimizzare i benefici dell'utilizzo di fertilizzanti con la riduzione al minimo degli effetti indesiderati. E ciò può essere ottenuto con l'uso della tecnologia che può calcolare la quantità corretta di fertilizzante necessaria per la concimazione del campo.
Attivati subito
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

 

CREDIT
eutrophication&hypoxiaeutrophication&hypoxia by flickr

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed