Sabato, 25 Novembre 2017

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie News Qualità Dell'Aria: Roma e Milano Sono le Città Più Inquinate d'Europa

Qualità Dell'Aria: Roma e Milano Sono le Città Più Inquinate d'Europa


Roma, Milano, inquinamento, qualità dell'aria

Nell'ultima indagine sugli indicatori ambientali l'Istat ha sottolineato come nel 2010 sia proseguita la riduzione del numero di giorni di superamento dei valori limite di PM10, già registrata nel biennio precedente. Ciò nonostante la qualità dell'aria delle nostre città continua ad essere pessima, tra le peggiori d'Europa. Già lo scorso anno avevamo visto come secondo i dati rilevati dall'Agenzia Europea per l'Ambiente (EEA), tra le 30 città più inquinate d'Europa ben 17 fossero italiane, con Torino che nel 2008 capeggiava al secondo posto assoluto tra le città con la peggiore qualità dell'aria.

La conferma di questo ben poco lusinghiero primato arriva dai risultati del City Ranking ProjectCity Ranking Project, un'indagine realizzata sempre dall'Agenzia Europea per l'Ambiente in collaborazione con Friends of Earth, in cui è stata analizzata la qualità dell'Aria di 17 grandi città Europee, tra cui due italiane: Milano e Roma. L'indagine è nata con lo scopo di confrontare e di valutare le misure messe in atto dalle varie amministrazioni cittadine al fine di ridurre i livelli di inquinamento da particolato sottile (PM 2,5 e PM10) e da NO2. Per far questo sono stati presi in considerazioni 9 parametri: successo nella riduzione delle emissioni, zone a basse emissioni e divieto di ingresso dei mezzi più inquinanti, mezzi puliti negli appalti pubblici, strade vietate alla circolazione di automobili, incentivi economici, gestione della mobilità, promozione del trasporto pubblico, promozione della mobilità sostenibile (pedonale e ciclabile), trasparenza e comunicazione ai cittadini. Per ogni parametro era possibile ottenere 5 diverse valutazioni: molto bene equivalente a 5 punti, bene (4 punti), soddisfacente (3 punti), discreto (2 punti), insufficiente (1 punto).
Vediamo come è andata.
Cominciamo col dire che nessuna delle 17 città considerate si è guadagnata una A, grado che corrisponde al voto massimo, per il quale bisognava ottenere un punteggio globale superiore al 90% del totale dei punti disponibili. Tuttavia c'è chi è andato decisamente bene, sfiorando la promozione piena e chi è andato malissimo, come le sette città che hanno preso una F, il voto peggiore possibile. Tra queste ultime, peggiori tra le peggiori, ovvero quelle con la percentuale più bassa di punti raggiunti sul totale disponibile sono state proprio le due italiane con Milano che precede Roma con una percentuale del 44% contro il 38% della Capitale.
Il podio è invece guidato da Berlino con una percentuale dell'84%, seguito a ruota da Copenaghen e da Stoccolma a pari merito con l'82% dei punti disponibili raccolti. Ma perchè le due città italiane sono state le peggiori?

Milano ha preso un bel voto (bene) solamente per quanto riguarda il trasporto pubblico, mentre sono stati giudicati soddisfacenti: la presenza di zone a traffico limitato (dovuto alla presenza dell'Ecopass) e la gestione della mobilità, inclusa quella pedonale e ciclabile. Per quanto riguarda l'Ecopass, l'indagine sottolinea però come si tratti di una misura nella pratica piuttosto inefficace, per il fatto di avere un costo basso che non scoraggia gli automobilisti e per avere invece un elevato sistema di esenzioni.
Bocciatura completa, invece, per i risultati ottenuti nella riduzione delle emissioni, nell'utilizzo di mezzi puliti negli appalti pubblici e nella presenza di strade vietate alla circolazione delle automobili. Per quanto riguarda questi ultimi due indicatori, il punteggio peggiore deriva dal fatto che la città non ha risposto ai quesiti richiesti dall'indagine.
Roma, dall'altra parte non ottiene nessun buon voto e viene ritenuta soddisfacente solamente per quanto riguarda il trasporto pubblico, anche se, l'indagine non ha mancato di criticare la città per il fatto di non avere una strategia globale di promozione dei mezzi pubblici. Come per Milano, le bocciature complete hanno riguardato l'utilizzo di mezzi puliti negli appalti pubblici e la presenza di strade vietate alla circolazione delle automobili. Anche in questo caso la città non ha fornito risposte esaurienti ai quesiti richiesti. In tutti gli altri parametri Roma raggiunge un risultato insufficiente, sebbene l'indagine certifichi per la Capitale un risultato migliore di quello di Milano nella riduzione delle emissioni, sostanzialmente per il fatto che risultano minori i giorni di superamento dei valori limite di PM10.

Attivati subito
RISORSE:

 

 CREDIT
tomkellyphototomkellyphoto by flickr

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed