Martedi, 20 Novembre 2018

Back Famiglia Disuguaglianze e Nuovi Poveri: Analisi Sulla Base Dei Dati Sul Reddito

Disuguaglianze e Nuovi Poveri: Analisi Sulla Base Dei Dati Sul Reddito


povertà, reddito, disuguaglianze
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Buona parte della popolazione sta scivolando piano piano in una condizione di povertà. E’ questo che emerge dai dati raccolti da Giovanni Vecchi, professore di economia all’Università di Tor Vergata, nel suo nuovo volume “In ricchezza e in povertàIn ricchezza e in povertà ”.
I numeri sono sconcertanti: 20 milioni di italiani galleggerebbero in una situazione da povertà latente: non sono ancora ufficialmente poveri, ma lo sono potenzialmente. In quest’ottica la crisi economica c’entra ma non è l’unico fattore influente.
Giovanni Vecchi per analizzare il presente ha indagato la storia d’Italia dal punto di vista dei redditi e ha scoperto che i primi veri problemi sono sorti più di venti anni fa. Gli eventi degli ultimi anni, dunque, non hanno fatto altro che esacerbare una tendenza negativa già preesistente. Dall’Unità d’Italia fino ad oggi, infatti, il reddito medio delle famiglie è aumentato di tredici volte.

Un dato più che rispettabile, visto che è lo stesso degli Stati Uniti ma superiore a quello di Francia e Germania (che sono cresciute in media di 12 e 11 volte). C’è da dire, però, che il Bel Paese, al momento della sua unificazione, versava in una situazione economica davvero disastrosa. il 44% della popolazione, infatti, non disponeva di un reddito sufficiente per le necessità quotidiane.
Le notizie positive, tutto sommato, finiscono qui. Da sempre, la crescita è stata eterogenea nel territorio italiano, anche se fino agli ultimi anni Ottanta la forbice tra ricchi e poveri è andata diminuendo.

Dal 1990 in poi, però, sono successe due cose. In primo luogo, il Pil dell’Italia è cresciuto veramente poco, in media dello 0,6% annuo; di questo passo saranno necessari venticinque anni affinché il reddito delle famiglie raddoppi. In secondo luogo, si è allargata la forbice tra ricchi e poveri. In particolare è aumentata, in poco più di venti anni, dello 0,3% per ogni punto percentuale di Pil per abitante. Non stupisce quindi che, durante lo stesso arco di tempo, il reddito delle fasce ricche sia aumentato al di sopra della media nazionale mentre il reddito delle fasce povere sia aumentato quasi impercettibilmente.
La conseguenza di queste due tendenze è lo smottamento della parte più debole del ceto medio verso il ‘ceto povero’. Secondo quanto dice Giovanni Vecchi sarebbero coinvolti in questo processo circa 20 milioni di italiani, il 35-40% del totale.
Il professore nel suo libro ha anche illustrato alcune delle ricette utili a invertire questo triste processo. I punti da cui ripartire ci sono tutti. Tra questi spicca l’istruzione: “Solo se si scriverà a chiare lettere sulle nostre scuole e sulle nostre università che un capitale umano non adeguatamente e opportunamente istruito è un capitale umano quasi inservibile” il Paese potrà tornare a crescere. L’obiettivo da raggiungere è quello di “garantire ai figli il livello di benessere conosciuto dai padri”. Condizione necessaria è invece “spezzare alcune delle continuità che hanno segnato questi ultimi centocinquanta anni di storia italiana”.
Valore Conto 468 x 60
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Assicurazioni

assicurazioni

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed