Martedi, 27 Giugno 2017

Back Famiglia Matrimoni: 3 Su 10 Finiscono con la Separazione

Matrimoni: 3 Su 10 Finiscono con la Separazione


Matrimonio, separazioni, divorzio

É sempre più difficile mantenere stabile un famiglia e non solo dal punto di vista economico, ma anche da quello sentimentale. Infatti, secondo quanto comunicato dall'Istat, nel 2010 rispetto all'anno precedente, le separazioni sono aumentate del 2,6%, mentre i divorzi sono diminuiti dello 0,5%. In Italia 3 matrimoni su 10 finiscono con la separazione quasi 2 col divorzio.
Il trend è assolutamente in crescita, tanto che dal 1995 al 2010 le separazioni sono aumentate di oltre il 68% e i divorzi sono quasi raddoppiati. Rispetto al '75 il numero di matrimoni che si sono chiusi è praticamente triplicato. Incrementi che hanno ancora più peso se si pensa che nel tempo il numero di matrimoni celebrati è proporzionalmente diminuiti, indicando perciò un effettivo aumento della propensione alla rottura dell'unione coniugale.  

Posto che non tutte le separazioni portano al divorzio (si può calcolare un tasso del 60%), il rapporto sottolinea che la durata media del matrimonio è di 15 anni per la separazione e a 18 anni per il divorzio. La crisi coniugale, però, coinvolge sempre di più le unioni di lunga data, tanto che rispetto al 1995 le separazioni sopraggiunte dal venticinquesimo anno di matrimonio in poi sono più che raddoppiate, mentre quelle al di sotto dei cinque anni sono aumentate molto meno.

All'atto della separazione (nel 2010) i mariti avevano mediamente 45 anni contro i 42 delle mogli. La classe di età più numerosa è quella che va tra i 40 e i 44 anni sia per gli uomini che per le donne, mentre 10 anni fa il maggior numero di separazioni ricadeva nella classe 35-39 anni. Questo innalzamento dell'età della separazione è dovuto principalmente al fatto che ci si sposa sempre più tardi. Ciò spiega anche la drastica diminuzione delle separazioni sotto i 30 anni. Allo stesso tempo aumentano le separazioni delle coppie con almeno uno sposo ultrasessantenne, tanto che negli ultimi 10 anni sono più che raddoppiate nel numero sia per gli uomini che per le donne.
Mentre a livello numerico la maggior parte delle separazioni avvenute nel 2010 ha coinvolto uomini e donne con titolo di studio non universitario, si osserva una tendenza crescente nel decennio all'aumento della propensione a sciogliere il matrimonio tra chi ha titoli di studio più alti.
A livello territoriale l'instabilità coniugale si manifesta maggiormente al Nord-ovest (383,4 separazioni per 1000 matrimoni) mentre il valore minimo si osserva al Sud (213,4 separazioni per 1000 matrimoni).
Infine spiega l'IstatIstat, la tipologia di procedimento maggiormente scelta dai coniugi è quella consensuale. Infatti nel 2010 si sono concluse in questo modo l’85,5% delle separazioni e il 72,4% dei divorzi .
Valore Conto 468 x 60

RISORSE: 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Assicurazioni

assicurazioni

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed