Domenica, 22 Aprile 2018

Back ECONOMIA Categorie Famiglia ABI: LE FAMIGLIE ITALIANE SONO SOLIDE DAL PUNTO DI VISTA FINANZIARIO, BASSO IL RISCHIO DI DEFAULT

ABI: LE FAMIGLIE ITALIANE SONO SOLIDE DAL PUNTO DI VISTA FINANZIARIO, BASSO IL RISCHIO DI DEFAULT


credeminvestimentifin.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

La tenuta finanziaria delle famiglie italiane rimane positiva, i mutuatari risultano solidi nonostante il perdurare della crisi e il rischio di default associato si mantiene contenuto. Questo il quadro che emerge dal quarto numero del “Rapporto sulla situazione finanziaria delle famiglie italiane” , realizzato trimestralmente dal'Abi, in collaborazione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Secondo l'associazione bancaria italiana, le famiglie italiane confermano sostanzialmente la positiva capacità di tenuta di fronte alla crisi, già rilevata nel precedente numero del rapporto.
Il report analizza la situazione finanziaria delle famiglie sulla base di diversi indicatori di indebitamento, vulnerabilità, patologia finanziaria, domanda e offerta di credito. Sul fronte della domanda dei finanziamenti per l'acquisto di abitazioni, il rapporto conferma il trend positivo, sottolineando come da un lato sia favorito dall'effetto di calmieramento dei prezzi degli immobili dovuto alla crisi e, dall’altro, dal basso livello dei tassi d’interesse. A settembre 2010 i finanziamenti per l'acquisto di abitazioni sono cresciuti del 5,5% (+6,6% un anno prima), mentre i dati di novembre (i più recenti disponibili) testimoniano una crescita del 7,7%.
Si segnala però un aumento di circa un punto percentuale del rapporto tra rata media sui mutui per l'acquisto di abitazioni e reddito disponibile (l'ultimo dato Istat riferisce di un calo del 2,7% del redditocalo
del 2,7% del reddito). Tuttavia l'Abi ricorda che tale rapporto risulta comunque su un livello inferiore rispetto ai massimi registrati due anni fa. Nello specifico a settembre 2010 il complesso delle rate assorbiva il 5,1% del reddito, contro il 6,7% di settembre 2008. Le sofferenze bancarie del “debitore famiglia” si attestano complessivamente all'1,6% del totale erogato, risultano in crescita, seppure su livelli definiti dall'Abi: “ancora molto bassi”.
Per quanto riguarda l'indice si accessibilità all'abitazione, che misura la possibilità di acquisto della casa da parte della famiglia media, dati l’apporto del credito bancario, i livelli di reddito e l’andamento del mercato immobiliare, non si registrano variazioni di rilievo. L'Abi conferma il tendenziale miglioramento dell'indice nell'ultimo biennio, che confermerebbe una maggiore possibilità delle famiglie nell'acquistare casa. In concreto l'indice di affordability mostra che a novembre 2010 la rata che la famiglia media deve pagare per comprare la propria casa è pari a poco meno del 24% del proprio reddito disponibile (a giugno era circa il 24,5%).


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Vista la contrazione del reddito disponibile, questo miglioramento è imputabile fondamentalmente al basso livello dei tassi di interesse, consentendo una maggiore accessibile all'acquisto di un'abitazione. Ricordiamo però nonostante il miglioramento dell'indice di accessibilità medio delle famiglie, la situazione relativa alle famiglie giovani risulta decisamente più complessadecisamente
più complessa.
Infine, l'Abi ricorda che il livello di indebitamento generale delle famiglie, seppur in crescita, risulta contenuto rispetto al confronto internazionale In chiusura ricordiamo, però, che secondo lo studio : “Genworth Index 2010”, del “Centro Ricerche della Finanza Personale” dell’Università di Bristol, l'Italia, su diciotto Paesi analizzati, è il quarto per numero di famiglie finanziariamente vulnerabilinumero
di famiglie finanziariamente vulnerabili. Peggio di noi, dal punto di vista della vulnerabilità finanziaria si collocano solamente la Grecia, il Portogallo e la Polonia.

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631
RISORSE:


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Assicurazioni

assicurazioni

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed