Sabato, 16 Dicembre 2017

Back Famiglia La Quota di Popolazione e il Tasso di Occupazione Degli Anziani in Europa

La Quota di Popolazione e il Tasso di Occupazione Degli Anziani in Europa


tasso di occupazione, quota di popolazione, anziani

Una recente indagine Istat ha predetto che nel 2065 nel nostro Paese un terzo della popolazione sarà over 65, grazie all'aumento dell'aspettativa di vita alla nascita. Ma non sarà solo l'Italia ad “invecchiare” ma anche il resto dell'Europa con conseguenze anche dal punto di vista lavorativo e pensionistico. Ad indagare su alcuni di questi aspetti ci ha pensato l'Eurostat, che in collaborazione con la Direzione generale Occupazione, Affari Sociali e Inclusione della Commissione Europea e l'Eurofund, ha realizzato la pubblicazione “Active ageing and solidarity between generations”. Il motivo di questa pubblicazione è il fatto che quest'anno è stato eletto dalla Commissione Europa come l'anno europeo per l'invecchiamento attivo e la solidarietà tra le generazioni. La scelta di dedicare quest'anno a questo tema deriva dall'analisi statistica della quota di popolazione di 55 anni e oltre, nell'Unione Europea a 27, che è passata dal 25% del 1990 al 30% del 2010 e che dovrebbe raggiungere il 40% entro il 2060.

Di qui l'idea di analizzare il concetto di invecchiamento attivo inteso come fenomeno per il quale i cittadini di 55 anni e oltre hanno la possibilità di stare più tempo nel posto di lavoro, condividendo le proprie esperienze con le nuove generazioni e mantenendo un ruolo attivo nella società, con il risultato di avere anche una salute migliore (sicuramente dal punto di vista mentale) e una vita più soddisfacente.


L'AUMENTO DELLA QUOTA DI POPOLAZIONE OVER 55 NEGLI ULTIMI VENTI ANNI
Secondo i dati presentanti le quote di cittadini over 55 dei Paesi Membri variano da un minimo del 21% in Irlanda ad un massimo del 33% in Germania ed Italia. Scomponendo la quota in due gruppi, quello relativo ai cittadini con età compresa tra i 55 e i 64 anni e quello degli ultra sessantacinquenni si osservano differenze più significative in quest'ultimo. Nel primo gruppo si va da un minimo di Irlanda, Lituania e Lussemburgo dove la quota di popolazione compresa tra i 55 e i 64 anni è pari rispettivamente al 10,1%, al 10,7% e al 10,8%, ad un massimo del 14,7% in Finlandia e al 14,1% di Malta e della Repubblica Ceca.

La quota di popolazione di 65 anni e oltre sul totale dei cittadini è maggiore invece in Germania (20,7%), seguita da Italia (20,2%) e Grecia (18,9%) mentre è minore in Irlanda (11,3%), Slovacchia (12,3%) e Cipro (13,1%).


TASSO DI OCCUPAZIONE DEI CITTADINI PIÙ ANZIANI
Mentre il tasso di occupazione dei cittadini di età compresa tra i 20 e i 64 anni è aumentato del 2,1% nell'ultimo decennio, passando dal 66,5% del 2000 al 68,6% del 2010, il tasso di occupazione per i cittadini più “anziani” è aumentato di 10,6 punti percentuali tra coloro che hanno un'età compresa tra i 55 e i 59 anni (dal 50,3% al 60,9%) e di 7,5 punti percentuali per quelli con età compresa tra i 60 e i 64 anni ( dal 23 al 30,5%). Stabile è rimasto invece il tasso di occupazione per i cittadini con 65 anni e oltre, con una quota intorno al 5%.
Vediamo le variazioni del tasso di occupazione nei vari Paesi Membri per questi ultimi tre gruppi di età:

  • Età 55-59 anni: si va da un tasso di occupazione massimo di Svezia (80,7%), Danimarca (75,9%) e Finlandia (72,5%) ad un minimo registrato in Polonia (45,8%), Slovenia (46,9%) e Malta (49,3%). In Italia il tasso di occupazione è per quest'età pari al 52,7%

  • Età 60-64 anni: si va da un tasso di occupazione massimo di Svezia (61&), Regno Unito (44%) e Estonia (42,8%) ad un Minimo di Ungheria (13%), Malta (14,2%) e Slovacchia (17,2%). n Italia il tasso di occupazione è per quest'età pari al 20,5%

  • Età 65 anni e oltre: si va da un tasso di occupazione massimo di Portogallo (16,5%), Romania (13%) e Cipro (12,9%) ad un minimo di Francia e Slovacchia (1,6%) e Ungheria (1,9%). In Italia il tasso di occupazione è per quest'età pari al 3,1%
     

    InfoJobs - 468x60_IJIT_blue
     

RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


CREDIT
Chris YarzabChris Yarzab by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Assicurazioni

assicurazioni

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed