Martedi, 19 Febbraio 2019

Back ECONOMIA Categorie Famiglia Nel 2025 Nessuna Città Italiana tra le 600 Più Ricche Del Mondo, Ora ce ne Sono 23

Nel 2025 Nessuna Città Italiana tra le 600 Più Ricche Del Mondo, Ora ce ne Sono 23


newyork2503.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Il McKinsey Global Institute ha pubblicato un interessante studio dal titolo “Urban world: mapping the economic power city” che analizza l'evoluzione economica e demografica delle principali città del mondo dal 2007 fino al 2025. L'istituto ha preso in considerazioni circa 2mila città, tra cui 23 italiane e ha provato a tracciare quale scenari possibili caratterizzeranno la vita economica e sociale degli uomini nei prossimi anni. Vediamone qualche spunto.
Attualmente circa il 60% del Pil mondiale viene generato in solo 600 centri Urbani, più o meno lo stesso valore che si registrerà nel 2025, anche se cambierà la dislocazione geografica di queste super città. Nei prossimi 15 anni, infatti, il centro economico del mondo si sposterà verso sud e verso est.
Nel 2007 circa la metà del Pil mondiale proviene da 380 città site nei Paesi sviluppati, di cui 190 del Nord America, mentre le altre 220 città, sono situate nei Paesi in via di sviluppo e contribuiscono per un altro 10% del Pil.
Nel 2025, invece un terzo di queste città dei Paesi Sviluppati non sarà più presente nella classifica delle prime 600, contro una su venti di quelle dei Paesi emergenti. Entro quella data inoltre il rapporto ipotizza che entreranno nella classifica delle top 600, ben 136 città dei Paesi emergenti, di cui 100 della Cina, 13 dell'India e 8 del Sud America. Nel 2025 vi sarà inoltre una maggiore concentrazione del prodotto interno lordo prodotto nelle città, con le prime 100 della classifica che produrranno il 35% del Pil, mentre le altre 500 il rimanente 25%. Secondo il rapporto inoltre, a differenza dei nostri tempi in cui 23 megalopoli con una popolazione di 10 milioni di abitanti producono il 10% del Pil, nel 2025 ci sarà un grande contributo delle città di media grandezza. Queste, infatti, con una popolazione compresa tra i 150 mila e i 10 milioni di abitanti, aumenteranno significativamente il proprio contributo al Pil mondiale. Nello specifico il McKinsey Global Institute stima che 407 città medie situate nei Paesi emergenti provvederanno a fornire quasi il 40% del Pil globale.
La popolazione urbana crescerà di circa 65 milioni all'anno e nel 2025 le città del top 600, ospiteranno 735 milioni di famiglie, con un prodotto interno lordo (pil) medio pro capite di 32 mila dollari. 235 milioni di questi nucleri abiteranno nelle metropoli dei Paesi in via di sviluppo, ciascuno con un reddito di oltre 20 mila dollari all'anno a parità di potere d'acquisto.
Nel 2025 new York sarà la città più ricca con un Pil di 1,77 miliardi di dollari, spodestando Tokyo, che scende al secondo posto dopo aver condotto la classifica nel 2007. Chiude il Podio della top 600 del 2025 Shanghai



COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



ITALIA AL 2025
Il rapporto sottolinea che progressivamente le città dell'Europa Occidentale vedranno ridursi il proprio peso nella classifica mondiale delle top 600, ma con le dovute distinzioni. Infatti, mentre alcune rimarranno protagoniste come Londra (scesa dal 3 al 40° posto) e Parigi (dal 4° al 7°) altre spariranno completamente dalla classifica, tra cui tutte le 23 città italiane presenti nella classifica del 2007. Spicca l'assenza di Milano che nel 2007 occupava l'11 piazza.
Per le 23 città italiane è prevista una crescita minima per quanto riguarda il Pil globale, con un contributo italiano alla causa stimato in 1100 miliardi di dollari, ovvero pari a quello del 2007. Nel periodo la popolazione residente nelle città italiane aumenterà di un milioni, passando dai 28 milioni del 2007 ai 29 del 2015. A livello Nazionale Milano rimarrà anche nel 2025 la città per quanto riguarda il Pil prodotto con circa 393 miliardi (+ 0,4% rispetto al valore del 2007), seguita da Torino e Roma.

  [Via: McKinsey Global InstituteMcKinsey Global Institute ]


 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:


CREDIT

Josh LibaJosh
Liba by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Assicurazioni

assicurazioni

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed