Martedi, 23 Gennaio 2018

Back Famiglia Separazioni e Divorzi: le Condizioni di Vita di Uomini e Donne Dopo la Fine Del Matrimonio

Separazioni e Divorzi: le Condizioni di Vita di Uomini e Donne Dopo la Fine Del Matrimonio


divorzio, separazione, istat

In Italia separazioni e divorzi sono in aumento, anche se ad un ritmo inferiore rispetto a quello degli anni precedenti, coinvolgono soprattutto gli over 40 e sono consensuali. A riferirlo è l'Istat che dopo aver analizzato i dati 2009 (gli ultimi disponibili) la situazione dei divorzi e delle separazioni, ha pubblicato oggi i risultati di una ricerca sulle condizioni di vita delle persone separate, divorziate e coniugate dopo un divorzio (sempre relativamente al 2009). A livello numerico nel 2009, le persone separate, divorziate o coniugate dopo un divorzio sono 3,115 milioni, il 6,1% della popolazione di 15 anni e più. Dopo la rottura del matrimonio le donne ricoprono nel 35,8% dei casi il ruolo di genitore solo, contro il 7,3% degli uomini.

Questi ultimi o vivono da soli (43% dei casi contro il 25,4% delle donne) o formano una nuova unione (32% contro 23,3%). A dispetto di quanto si possa immaginare, la quota di donne separate, divorziate o riconiugate in famiglie, a rischio povertà è più alta rispetto a quella degli uomini nelle medesime condizioni (24% contro 15,3%), mentre le percentuali più elevate di donne a rischio povertà si trovano tra le single (28,7%) e tra le madri sole (24,9%).

Dopo la separazione, la condizione economica peggiora soprattutto per le donne (50,9% contro il 40,1% degli uomini), per chi al momento dello scioglimento non aveva un'occupazione a tempo pieno (54,7%) e per chi aveva figli (52,9%).
Il 41,3% di separati, divorziati e riconiugati ha cambiato abitazione, con circa un terzo degli uomini (il 32,5%) e il 39,3% delle donne che è tornato a casa dei genitori oppure ha preso un'abitazione in affitto (36,8% gli uomini, 30,5% le donne).
Dall'indagineindagine appare decisamente particolare il rapporto tra uomini separati e figli. Infatti il 52,8% della madri che vivono con i figli riferiscono che questi non hanno dormito a casa del padre nei due anni successivi la separazione, mentre il 20,1% dichiara che i padri in questo tempo non hanno mai frequentato i propri figli.
La separazione ha effetti ovviamente anche sui figli e non solo sul piano psicologico puro, infatti, a seguito della separazione il rendimento scolastico dei figli peggiora in più di un caso su cinque (20,7%) e nel 6% dei casi il peggioramento porta ad una bocciatura o al rinvio degli esami universitari.
Si riscontra anche un allontanamento, dopo la separazione, nei confronti dei nonni e dei parenti del padre (18,6% dei casi) e della madre (8,7% dei casi).
Infine a causa delle ristrettezze economiche dopo la separazione, il 5% dei genitori non riesce a sostenere le spese mediche per i figli con la frequenza necessario o a fargli frequentare attività extra come corsi (14,7% dei genitori), palestra (16,1%) o a mandarli in vacanza nei luoghi soliti di villeggiatura (24,1%).
 
468x60_spesa
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Assicurazioni

assicurazioni

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed