Giovedi, 19 Ottobre 2017

Back Fisco e Tasse Fisco e Privacy: i Controlli Compromettono i Diritti Dei Cittadini?

Fisco e Privacy: i Controlli Compromettono i Diritti Dei Cittadini?


fisco, privacy, conti correnti

La lotta all’evasione fiscale è uno dei compiti che il governo Monti si è prefissato. Con quali risultati lo scopriremo solo tra qualche anno. Nel frattempo però, appaiono in netto aumento i controlli del fisco. L’aumento è così sensibile da fare allarmare il Garante della Privacy, timoroso che un’eccessiva ‘foga’ nei controlli si traduca nella violazione al diritto che l’agenzia ha il compito di promuovere e preservare.
A dire il vero, il Garante della Privacy ha dato il via all’Agenzia delle Entrate per quanto riguarda la questione dei controlli sui conti correnti degli italiani. Ma con una riserva: quest’ultima dovrà mettere in atto alcune precise misure di sicurezza. Queste prevedono la cifratura dei dati, la conservazione dei dati solo durante il periodo di trattamento e la cancellazione automatica allo scadere dello stesso.  

É prevista inoltre l'esposizione dei dati solo a un limitatissimo numero di incaricati, l'implementazione di un sistema antivirus e di altre protezioni contro il cybercrime. 
Le informazioni sensibili che i controlli del fisco andranno a spulciare sono le seguenti: differenza tra saldo iniziale e saldo finale del conto corrente, importi totali degli accrediti e degli addebiti delle numerose tipologie di operazioni effettuate.

Di mezzo c’è la possibilità di recuperare miliardi di euro dall’evasione fiscale ma anche la privacy degli italiani.
I controlli del fisco subiranno un’intensa implementazione a partire dal 31 ottobre 2012. A partire da quella data, le banche e gli istituti finanziari dovranno comunicare i dati dei loro clienti agli organi dell’Agenzia delle Entrate (con buona pace del segreto bancario). Il servizio che accoglierà questa ingentissima mole di dati si chiama Entratel e si dipana su piattaforma telematica. Un problema gravissimo, però, persiste tutt’ora: Entratel, infatti, allo stato attuale non può ricevere pacchetti file superiore ai 3 Mb, mentre nelle previsioni degli analisti ogni pacchetto potrebbe arrivare a pesare fino a cento volte tanto. Se la questione non verrà risolta, si renderà necessario lo spacchettamento dei file in file più piccoli, con conseguente rischio di intrusioni illegittime (il timore è stato espresso a Il Sole 24 Ore da Antonello Cherchi).
A comunicazioni effettuate, entrerà in gioco Serpico, il “perfido computerone” che vaglierà i dati finanziari dei cittadini e individuerà le incongruenze sintomo di possibile evasione fiscale.
Ricordiamo in chiusura la vicenda della pubblicazione online delle dichiarazioni dei redditi e le conseguenti polemiche, allora il Garante della Privacy assunse una posizione più netta a favore del diritto alla riservatezza.
Valore Conto 468 x 60
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Investimenti

investimenti

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed