Venerdi, 17 Agosto 2018

Back ECONOMIA Categorie Fisco e Tasse AGENZIA DELLE ENTRATE: TEMPI PIÙ BREVI PER I RIMBORSI CHE DERIVANO DA SENTENZE TRIBUTARIE

AGENZIA DELLE ENTRATE: TEMPI PIÙ BREVI PER I RIMBORSI CHE DERIVANO DA SENTENZE TRIBUTARIE


classactionintesaudi.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Un recente comunicato l'Agenzia delle Entrate riferiva che nel primi sette mesi del 2010 sono stati effettuati rimborsi ai contribuenti per 6 miliardi di eurorimborsi
ai contribuenti per 6 miliardi di euro. Una cifra enorme che però nasconde rimborsi relativi a diversi anni, tanto che nonostante i miglioramenti degli ultimi anni, i tempi dei rimborsi rimangono tra i più lunghi al mondo. Ma qualcosa potrebbe presto cambiare. Con la circolare n. 49/E del 1° ottobre, infatti, l'Agenzia delle Entrate ha introdotto una corsia preferenziale per i rimborsi derivanti da sentenze emesse da giudici tributari, che hanno accolto le regioni dei contribuenti. Ciò significa che i rimborsi derivanti da provvedimenti dell'autorità giudiziaria godranno di carattere prioritario, rispetto ad altre tipologie.
In sostanza sparisce il termine di tempo di 90 giorni dalla notificazione della sentenza (articoli 68, comma 2, e 69 del decreto legislativo 546/1992) per la restituzione delle somme versate in eccedenza rispetto a quanto stabilito dalla Ctp (Commissioni tributarie provinciali). La circolare prevede, infatti, che gli uffici del contenzioso devono dare via al rimborso al momento in cui ricevono la comunicazione del dispositivo della sentenza, a patto che sia possibile determinare con esattezza l'importo da restituire. Tecnicamente non è nemmeno necessaria la notifica della sentenza, in quanto la circolare prevede che le strutture territoriali competenti provvedano al pagamento delle somme spettanti ai contribuenti, non appena vengono a conoscenza, anche informalmente, dell'esito sfavorevole del contenzioso.
L'Agenzia chiarisce anche che per estensione la norma è valida anche per le decisioni a favore dei contribuenti emesse dalle commissioni tributarie regionali.
Per ottenere il risarcimento, il contribuente non deve fare nulla, né avanzare richieste specifiche né avviare solleciti, in quanto basta solamente la comunicazione della decisione da parte della segreteria della commissione tributaria.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Le nuove regole riguardano i rimborsi per le controversie relative ad avvisi di accertamento, di liquidazione e atti con cui si determinano sanzioni e iscrizioni a ruolo ed anche i rimborsi di somme versate spontaneamente dal contribuente per errore (quelli cioè non successive alla notifica di atti). Normalmente l'articolo 69 del decreto legislativo 546/1992, prevede che l'Amministrazione Fiscale restituisca i soldi ai cittadini, soltanto in esecuzione di sentenze definitive (ovvero passate in giudicato).
La circolare n. 49/E, invece prevede che qualora l'Agenzia riconosca che al contribuente spetta il rimborso, nonostante la lite sia ancora pendente, non è necessario che la sentenza passi in giudicato, ma vanno subito restituite le somme al cittadino. Lo spartiacque per cui non è più il passaggio in giudicato, ma il fatto che esista una sentenza favorevole, questo perchè secondo l'Agenzia diventa superfluo attendere il passaggio in giudicato della sentenza, perché già riconosciuta legittima la richiesta del contribuente.
Positivo il commento dell'Associazione dei Consumatori AdiconsumAdiconsum, che sottolinea, per voce del segretario Nazionale Giordano, come sia importante trattare con pari tempestività, sia il recupero delle somme stabilite in sentenza sia il rimborso delle somme che spettano ai contribuenti.

[Via: circolare n. 49/Ecircolare n. 49/E ]


Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


RISORSE:


CREDIT

Si ringrazia l'utente Joe GratzJoe
Gratz di flickr per l'immagine


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Investimenti

investimenti

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed