Venerdi, 24 Novembre 2017

Green Economy

Riciclo Rifiuti: Italia Paese Leader in Europa Dietro la Germania

riciclo, materie prime seconde, Il settore del riciclo dei rifiuti è un campo in cui l'Italia sta facendo molto bene, tanto da essere uno dei leader d'Europa in materia. A riferirlo è lo studio “Il riciclo ecoefficiente. L'industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi” realizzato dall'Istituto di Ricerche Ambiente Italia, secondo cui il nostro Paese con 33 milioni di tonnellate di materie recuperate è secondo in Europa alla sola Germania.
I dati fanno riferimento al 2010 e sottolineano che grazie ai processi di riciclo dei materiali l'Italia ha potuto evitare l'emissione di 53 milioni di tonnellate di CO2. Una quota enorme, pari a circa il 10% del totale delle emissioni di cui è responsabile il nostro Paese in un anno. Vantaggi, che sottolinea il rapporto, rimangono anche se le materie prime seconde, ovvero quelle ottenute dal processo di riciclo prendono la via dell'estero.

Add a comment

Energie Rinnovabili: Italia Prima per Tasso di Crescita Degli Investimenti

energie rinnovabili, eolico, Abbiamo visto nei giorni scorsi che il quinto conto energia e il nuove decreto sulle rinnovabili andranno a ridurre in maniera significativa gli incentivi alle energie pulite, un campo dove fino ad ora ce la siamo cavata egregiamente. A riferirlo è il rapporto “Who’s winning the clean energy raceWho’s winning the clean energy race?” realizzato dal Pew Charitable Trusts sulla basa dei dati raccolti da Bloomberg New Energy Finance. Il Nostro paese, infatti, è quarto nella classifica del G-20 per gli investimenti in energia pulita, è primo nel tasso di crescita degli investimenti negli ultimi cinque anni, è primo nell'intensità degli investimenti ed è sesto nella capacità di energia rinnovabile installata per una quota di 28 GW (il 5,5% del totale dei Paesi del G-20). Nello specifico, in Italia, nel 2011 sono stati investiti in energia pulita 28 miliardi di dollari, il 12,4% del totale dei Paesi del G-20 mentre il tasso di crescita nell'ultimo quinquennio è stato dell'89%  per gli investimenti e del 47%  per le istallazioni di energia pulita. 

Add a comment

Con le Rinnovabili Tagli Alle Bollette per 400 Milioni di Euro

energie rinnovabili, risparmi, consumatoriLe Energie Rinnovabili nonostante in molti continuino a remare contro e sperino in un cambio di rotta da parte del Governo continuano a crescere. A riferirlo è l'Irex Annual Report di Althesys secondo cui le rinnovabili nel 2011 sono cresciute grazie a 223 operazioni di taglia industriale per un investimento complessivo di 7,8 miliardi di euro (lo 0,5% del Pil Italiano) e 4.338 MW di di energia pulita installata tra eolico, fotovoltaico, Idroelettrico, geotermico, biomasse ed energia dai rifiuti.
Secondo gli scenari ipotizzati le rinnovabili permettono tagli alla bolletta per 400 milioni di euro e benefici per il Paese tra i 22 e i 38 miliardi di euro da qui al 2030.
L'analisi delle operazioni evidenzia che la crescita è stata però inferiore rispetto a quanto registrato nel 2010 e che il fotovoltaico è sempre l'arma di punta delle energie rinnovabili italiane, con il 53% delle operazioni.

Add a comment

Energie Rinnovabili: Impianti Presenti in 8 Mila Comuni

energie rinnovabili, eolicoAbbiamo visto come gli impianti di piccola taglia continuino ad aumentare lungo il territorio italiano e si vada sempre più verso una generazione distribuita dell'energia, così come la marcia delle energie rinnovabili alla conquista dei comuni italiani sembri ormai sempre più inarrestabile. A certificare la situazione ci ha pensato, come ogni anno, Legambiente nel rapporto “Comuni RinnovabiliComuni Rinnovabili”, secondo il quale sono 7986 i Comuni Italiani in cui è presente almeno un impianto da fonte rinnovabile, pari al 95% del totale. Numeri in crescita rispetto ai 7.661 comuni, il 94% del totale, registrati nel rapporto dello scorso anno.
La crescita dei Comuni dotati di impianti rinnovabili è stata significativa e costante del tempo, si è passati dai 356 del 2006, ai 3.190 del 2008 ai 6.993 del 2010 fino ai quasi 8000 odierni. Inoltre è significativo che a crescere, seppur con modalità differenti, siano state tutte le fonti rinnovabili, dal solare all'eolico, dalle biomasse, alla geotermia fino all'idroelettrico.

Add a comment

Quanto Costa All’Ambiente Produrre Carta?

carta, impatto ambientale, foresteCartoni, quaderni, carta assorbente, carta igienica, fogli A4: quanti di questi prodotti cartacei consumiamo quotidianamente? Ma quanto costa questa carta, non a noi in termini economici ma all’ambiente da una prospettiva ecologica? La risposta è: dipende. Dipende dagli strumenti e dai processi applicati dai produttori di carta. A rispondere più nel dettaglio è stato lo studio Environmental Paper Company Index 2012, che ha messo a confronto l’impronta ambientale di 19 grandi aziende del settore. Alla ricerca hanno partecipato spontaneamente anche alcune aziende italiane mettendo a disposizione i dati sull’impatto ambientale della loro attività. Le aziende sono state divise in tre categorie a seconda del tipo di carta prodotta e della destinazione d’uso della stessa: carta da stampa, imballaggi, e tissue (carta per usi igienico-sanitari).

Add a comment
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed