Venerdi, 17 Agosto 2018

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie Green Economy Riduzione Emissioni: Voto Insufficiente per Unione Europea ed Italia

Riduzione Emissioni: Voto Insufficiente per Unione Europea ed Italia


riduzione emissioni, low carbon, Unione Europea

L'Unione Europea non sta facendo abbastanza per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzare l'economia entro il 2050, come erano stati definiti dalla Commissione in una recente roadmap.
É questo il quadro che esce dall'edizione 2011 dello studio Climate Policy Tracker condotta dal WWF in collaborazione con Ecofys. In una scala di valutazione da A a G, la media delle politiche climatiche dei Paesi dell'Unione Europea corrisponde ad E, per cui si è molto lontani dalla sufficienza piena. I voti sono stati dati sulla base dei risultati raggiunti da ogni Paese Membro in diversi settori quali: l'energia elettrica, l'industria, l'efficienza energetica degli edifici, i trasporti, l'agricoltura e la politica sulle foreste.

Rispetto allo scorso anno la situazione dell'Unione Europea risulta complessivamente stazionaria con nove Paesi membri che hanno compiuto dei progressi e cinque che invece hanno fatto un passo indietro. Un livello stazionario che implica una sonora insufficienza nella strada che porta ad un'economia low carbon. Va detto che la crisi, in questo scenario, ha avuto il suo peso, in quanto molti Paesi si sono visti costretti a tagliare i fondi alle politiche verdi, specie quelle più a lungo termine, per affrontare questioni più impellenti.

Se guardiamo globalmente ai sei settori presi in considerazione dallo studiostudio, si è osservato un miglioramento per quanto riguarda i trasporti, gli edifici e la gestione delle foreste, mentre si riscontra un segno negativo per la fornitura di energia elettrica, a causa del rallentamento nel campo dell'efficienza energetica Gli altri settori risultano, invece, stazionari. In ogni caso anche dove si è fatto un passo avanti si è ben lontani dal prendere un voto positivo.
A livello di Paesi Membri i risultati migliori sono stati raggiunti da Danimarca e Germania, Irlanda e Svezia che strappano una D, gli altri Paesi veleggiano tra E ed F, mentre nessuno ha preso un G. Da questo punto di vista si può dire che tra i Peggiori, quelli cioè con valutazione F ( Bulgaria, Cipro, Finlandia, Grecia, Lussemburgo, Polonia e Romania), il Paese peggiore è la Bulgaria perché a differenza degli altri ha un “outlook” negativo rispetto ai risultati dello scorso anno.
L'Italia si trova nel “mucchio” sei Paesi che si sono guadagnati una E, non mostrando né miglioramenti né peggioramenti rispetto allo scorso anno. In realtà si rileva qualche piccolo miglioramento sul piano politico, ma a mancare è una strategia globale sul clima che rifletta un obiettivo a lungo termine per il raggiungimento di una economia a basso tenore di carbonio. Situazione aggravata dalla mancanza di coordinamento a livello regionale, per quanto riguarda le applicazioni di leggi e linee guida che vanifica spesso quanto di buono deciso a livello centrale.
Nel giugno 2010 è stato pubblicato il Piano di azione nazionale per le energie rinnovabili, che però andrà rivisto considerando il mancato apporto del nucleare alla copertura complessiva della domanda di energia, mentre quello per l'efficienza energetica è stato pubblicato nel luglio 2011. Tuttavia le iniziative previste in questi due documenti dovrebbero essere già state prese, o quantomeno presentati i decreti legislativi che le riguardano, ma la difficile situazione economica che sta attraversando il paese sembra aver spostato in là nel tempo, le decisioni che riguardano Green Economy, energie rinnovabili e efficienza energetica, (compresi i temi relativi agli incentivi).
Attivati subito
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

  

CREDIT
Giampaolo SquarcinaGiampaolo Squarcina by flickr
 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed