Mercoledi, 12 Dicembre 2018

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie Green Economy SVILUPPO ECONOMICO: 162 MILIONI DI EURO PER L’INNOVAZIONE ENERGETICA NELLE PMI DEL MEZZOGIORNO

SVILUPPO ECONOMICO: 162 MILIONI DI EURO PER L’INNOVAZIONE ENERGETICA NELLE PMI DEL MEZZOGIORNO


pmi162sudsviluppeco030810.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.
Sviluppo Economico: 162 Milioni di Euro per l’Innovazione Energetica nelle PMI del Mezzogiorno | Energie Rinnovabili |

Il Comitato di Gestione del Fondo di Garanzia per le PMI, attivo presso il Ministero dello Sviluppo Economico, ha avviato una nuova iniziativa a favore delle imprese meridionali: le PMI del Sud Italia che intenderanno investire in ricerca, sviluppo, competitività ed energia potranno infatti usufruire dei consistenti finanziamenti che saranno messi a disposizione. Precisamente, i fondi dedicati allo sviluppo delle piccole e medie imprese del Mezzogiorno ammonteranno a 162 milioni di euro, di cui 100 milioni saranno messi a disposizione dal Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività, 2007/2013 (PON), mentre i restanti 62 milioni saranno garantiti dal Programma Operativo Interregionale Energie Rinnovabili e risparmio energetico (POI); sono questi due programmi approvati dalla Commissione Europea, dunque, che garantiranno le disponibilità economiche a favore delle aziende coinvolte.
Il Comitato di Gestione ha ufficializzato la notizia con un comunicatocomunicato del presidente Claudia Bugno.
Le risorse saranno gestite e distribuite direttamente dal Ministero dello Sviluppo Economico, il quale ha già predisposto delle apposite linee guida.
Ad usufruire dei fondi saranno, per quanto riguarda il programma PON, le piccole e medie imprese localizzate nelle cosiddette Regioni Convergenza, ovvero Sicilia, Calabria, Puglia e Campania; il programma POI invece garantirà fondi a tutte le imprese delle medesime regioni le quali siano intenzionate ad attivare degli investimenti nel settore delle energie pulite.
Saranno dunque coperte dai finanziamenti garantiti dal Comitato di Gestione del Ministero tutte le spese relative alla costruzione di impianti a biomassa, allo stesso modo sarà finanziata ogni attività di ricerca mirata allo sviluppo di nuovi macchinari e dispositivi produttivi finalizzati alla produzione di energie da fonti  rinnovabili.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI




Il presidente del Comitato di Gestione, Claudia Bugno, ha sottolineato l’importanza di questa iniziativa, che rende effettivi i fondi approvati dalla Comunità Europea, favorendo non solo lo sviluppo economico delle aziende meridionali, che molto hanno risentito e risentono tutt’oggi della crisi, ma anche favorendo uno sviluppo mirato alla sostenibilità ed al massimo rispetto dell’ambiente grazie alla diffusione delle nuove tecniche di produzione di energia rinnovabile.
Si tratta di una vera e propria boccata d'ossigeno per il mezzogiorno, che come abbiamo visto sta subendo maggiormente il peso della crisi e si sta allontanando (economicamente) sempre di più dal resto dell'Italiasi
sta allontanando (economicamente) sempre di più dal resto
dell'Italia e, a maggior ragione, dall'Europa. Secondo il rapporto Svimezrapporto
Svimez, le energie rinnovabili potrebbero costituire uno dei trampolini di (ri)lancio per il Sud, sia perchè il settore sarebbe in grado di assorbire tanti giovani laureati che non riescono ad essere inseriti nel contesto produttivo, e secondariamente perchè rappresentano un campo in grado di incrementare la competitività del mezzogiorno.

   


Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 


CREDIT
Si ringrazia l'utente menesismenesis di flickr per l'immagine


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed