Giovedi, 18 Ottobre 2018

Back TECNOLOGIA Categorie Innovazione I Blog Sopravvivono Ai Social Network Ma Sono In Evoluzione

I Blog Sopravvivono Ai Social Network Ma Sono In Evoluzione


tumblr. blog, social network

I social network sono protagonisti di un’ascesa formidabile. Stanno conquistando il web giorno per giorno, post dopo post. Facebook, Twitter, Foursquare, Instagram, Pinterest, Google + (e molti altri) per accaparrarsi fette maggiori di utenza stanno percorrendo la strada dell’integrazione: sempre più funzioni, magari appannaggio di altri canali o altri media, sono a disposizione degli utenti dei social network. In questo processo di inglobamento rischiano di finire dentro anche i blog. Anzi, già la creatura di Facebook – ma questo dai suoi albori – ha pestato i piedi ai blog, offrendo la possibilità di pubblicare post nelle bacheca, che assomigliano sempre più ai post dei blog. Ciononostante, i blog non sono morti. Anzi: dal 2008 il loro numero non è semplicemente aumentato, ma addirittura raddoppiato. Attualmente, siamo a quota 180 milioni. A rivelare il dato è un’analisi della NM Incite. I blog, dopotutto, resistono e resistono bene.

Questo grazie alla ‘nuova generazione’ di blogger, che risponde ad un preciso profilo sociale. Chi scrive nei blog è generalmente colto: il 70% di loro ha frequentato l’università. La maggior parte di loro sono o donne o giovani adulti d’età compresa tra i 18 e i 34 anni. Soprattutto, scendono a patti con il ‘nemico’, ossia i social network. I blogger scrivono su Facebook, tweettano e inseriscono video su Youtube, "pinnano" su Pinterest ect

Utilizzano i social network a 360 gradi e li fanno interagire tra di loro (Facebook è un’ottima piattaforma di promozione, Twitter offre possibilità di ‘rimando a’ e così via).
Dietro al successo dei blog – che è reale nonostante la conquista della scena da parte dei social network – ci sono anche tante storie di giovani capaci e di talento. Dietro la loro fortuna c’è stata l’abilità nell’intercettare il bisogno di semplificazione e di diffusione che emergeva dal pubblico web. Non è un caso che il maggior successo sia stato conseguito da David Karp e Matt Mullenweg. Il primo ha lanciato, a soli 21 anni, Tumblr, una spazio per creare blog che ha ridotto la complessità e i passaggi nel costruire un sito. Il secondo, invece, è il creatore di Wordpress, leader di tutti i CMS (Content Management System) dedicati al blogging. Grazie a Wordpress, utilizzato dalla stragrande maggioranza dei blogger, è possibile mettere su un blog e gestire contenuti, di testo e multimediali, in maniera davvero molto intuitiva.
Il mondo dei blog non è tutto rose e fiori. I blogger, spesso, sono in prima fila per informare, anche se un po’ ovunque non godono della stessa dignità di televisioni e giornali. Esporsi vuol dire passare guai. E sono più di 200 i ‘giornalisti della rete’ che sono stati arrestati nel 2011 in tutto il mondo, il 30% in più rispetto all’anno scorso (dati di Reports Senza Frontiere). A pesare sul bilancio è stato l’impegno a favore degli insorti in nord Africa, che hanno goduto del supporto dei social network durante le rispettive lotte di liberazione. Per approfondire l'argomento vi consigliamo di leggere il nostro articolo sui Paesi nemici di Internet.
 
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Investimenti

investimenti

Famiglia

famiglia

Green Economy

greeneconomy

Consumatori

consumatori

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed