Mercoledi, 11 Dicembre 2019

Back TECNOLOGIA Categorie Innovazione Futuro e Tecnologia Nel 2062: le Ipotesi Dell’Astrofisico Giovanni Bignami

Futuro e Tecnologia Nel 2062: le Ipotesi Dell’Astrofisico Giovanni Bignami


tecnologia, futuro, astrofisica, chip
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Non è certo la prima volta che esponenti del mondo della scienza si avventurano in previsioni su un futuro più o meno prossimo. Anzi, molte previsioni, soprattutto in epoca passata, hanno trasceso la loro natura di ipotesi scientifiche per diventare veri e propri elementi della cultura popolare. Basti pensare al filone nato con “Odissea nello spazio”. Fino a quattro o cinque decenni fa, era ritenuto molto probabile, anche tra gli uomini di scienza, una nuova era di viaggi spaziali entro i primi anni del nuovo millennio. Un altro famoso abbaglio lo prese il capo della IBM, che nel 1943 predisse che al mondo sarebbe bastati cinque computer.
L’ultimo in ordine di tempo a provarci è Giovanni Bignami, astrofisico di fama mondiale.

Sulla sua autorevolezza in campo scientifico non è possibile avanzare dubbi: attualmente è capo dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, in passato ha ricoperto il ruolo di direttore dell’Agenzia Spaziale Italiana ed ha collaborato con il nobel 2008 per la fisica Carlo Rubbia. Lo scienziato ha raccolto le sue ‘profezie’ nel volume “Cosa resta da scoprire?Cosa resta da scoprire? ”.
Perché proprio il 2062? La scelta deriva dalla metafora che fa da sfondo all’intero libro: la cometa di Halley portatrice di profondi cambiamenti. La famosa ‘stella’ passa nelle vicinanze della Terra ogni 76 anni e ogni volta sembra ‘mettere la firma’ ad uno stato di cose profondamente mutato. Nel 1066 ha sorvolato i cieli durante la battaglia di Hastings, momento deciso per il destino dell’Occidente. Nel 1682 è stata scrutata con il cannocchiale, di recente invenzione. Nel 1910 è passata come a sancire il declino della Belle Epoque.

Cosa ci riservano dunque i prossimi 50 anni? Bignami esordisce con un’importante rassicurazione: la vita sarà più semplice e felice. Un’ideale da età dell’oro che però non trova riscontro concreto nelle previsioni dello stesso astrofisico. Secondo lui, è vero che la medicinafarà passi da gigante, tuttavia non riesce a conciliare un’aspettativa di vita molto alta (si parla di oltre 150 anni) con un sistema previdenziale moderno. In assenza di cambiamenti anche dal punto di vista legislativo è lecito aspettarsi lunghi periodi di tensioni sociali, altro che vita tranquilla…
In altri ambiti, Bignami è meno contraddittorio (sebbene tutta la trattazione non abbandoni le pieghe del gioco). In particolare, entro il 2062 diventeranno una realtà i viaggi spaziali a scopo prettamente turistico. La tecnologia per andare e tornare da Marte in tempi accettabili (369 giorni di cui 40 di soggiorno ‘marziano’) già esiste ed è pure italiana.
Parlando della quotidianità, Bignami ha previsto la morte del denaro contante. Ad ognuno verrà impiantato un microchip sottocutaneo contenente le informazioni sui suoi conti correnti. Con questa tecnologia verranno svolte tutte le transazioni.
Gli animalisti potranno gioire. Si consumerà solo carne creata in laboratorio e dunque non verranno più uccisi gli animali.
L’invenzione più interessante sarà, sempre secondo le previsioni dell’astrofisico, una sorta di ‘macchina molecolare’ in grado di sostituire l’uomo nella creazione di oggetti, a pari merito con il pc in grado di scaricare il contenuto di un cervello umano su un chip, proprio alla strenua dell’hard disk di un computer.
 
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Investimenti

investimenti

Famiglia

famiglia

Green Economy

greeneconomy

Consumatori

consumatori

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed