Sabato, 26 Maggio 2018

Back CREDITO Categorie Investimenti Cosa Sono le Agenzie di Rating e Come Valutano gli Emittenti

Cosa Sono le Agenzie di Rating e Come Valutano gli Emittenti


Agenzie di rating, investimenti, debiti,

Le agenzie di Rating sono delle società private che analizzano i mercati finanziari, sulla base dei dati disponibili e affibbiano un giudizio di affidabilità, rating appunto, alle società, siano istituzionali o private, che emettono strumenti finanziari di debito. Il loro giudizio, ha un grosso peso sulla valutazioni di un titolo, o di un Paese , in quanto i mercati finanziari e gli investitori tengono in grande valutazione i pareri emessi da queste agenzie, sebbene, il passato insegna, non siano certo infallibili. Celebre è in proposito il caso del fallimento di Lemhan Brothers, società ritenuta come decisamente affidabile fino a qualche mese prima del tracollo, dalle principali agenzie di rating.

Ma guardando al recente passato si potrebbero citare anche i casi dell'americana Enron e dell'Italiana Parmalat, promosse nel rating e poi fallite. Tornando al Rating, questo viene espresso attraverso sequenze di lettere alfabetiche, secondo modalità diverse da Agenzia ad Agenzia, tra cui però si possono identificare dei tratti comuni. Ad esempio il giudizio di tripla A che identifica il massimo grado di affidabilità del soggetto debitore e quello di C o D che equivale praticamente ad un altissimo rischio di perdita del capitale investito (default). Le valutazioni date dalle Agenzie di Rating ai vari emittenti non sono statiche, ma variabili nel tempo e subiscono procedure di downgrade (declassamento) o di upgrade (rialzo) a seconda dell'andamento di diversi variabili di affidabilità. Ogni volta che un soggetto debitore scende di un gradino nella scala del rating si dice che ha perso un notch, mentre quando un soggetto è sotto osservazione si usa il termine di outlook che può avere un termine di riferimento di brece o lungo periodo. Nel caso di outlook di breve periodo di parla di “credit watch” , situazione che può portare dopo un certo periodo di tempo (spesso 60 o 90 giorni) ad un giudizio positivo (upgrade), negativo (downgrade) o neutro (il Rating rimane il medesimo) sull'emittente.


LE SIGNORE DEL RATING

Le tre sorelle del Rating sono in ordine di importanza sono Moody's che detiene una quota di mercato del 40%, Standard & Poor's, nata addirittura nel 1860 con una quota di mercato del 39% e Fitch, la più "giovane" (nata nel 1913) con una quota del 16%. Esistono anche altre Agenzie di rating, ma essendo queste tre, le più importanti del mercato, quelle capaci con una semplice valutazione di modificare le intenzioni di acquisto o di vendita di milioni di investitori, abbiamo deciso parlare solo di loro.
Il sistema di Rating di Moody's prevede una scala che va da Aaa, giudizio massimo o “prime” che corrisponde alla massima sicurezza del capitale, a C, che equivale al rischio di perdita del capitale. In mezzo si susseguono valutazioni che combinano lettere ai numeri alfanumerici (1-2-3), per un totale complessivo di 19 rating.
Standard & Poor's ha un sistema simile che ha nella tripla AAA (maiuscole) il giudizio prime e in D l'indicazione di default, ovvero di società insolvente. Rispetto a Moody's, pero, non vengono utilizzati i numeri per classificare il rating di una società debitrice ma i + e –, ed il numero complessivo di valutazioni disponibili è pari a 20, una in più di Moody's che nel suo schema di rating non individua lo stato di insolvenza, ma solo il realistico pericolo di insolvenza.
Le modalità di valutazione di Fitch sono molto simili a quelle di Standard & Poor's, con una tripla A maiuscola ad identificare il prime e i + e i a correggere i valori del rating. L'unica differenza tra le due agenzie si nota per quanto riguarda la valutazione delle emittenti a rischio con lettera C e D, infatti Fitch assegna una tripla C, senza distinzioni per le emittenti a rischio, mentre prevede tre diverse valutazioni per il rischio di default. 
Valore Conto 468 x 60
RISORSE:


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Investimenti

  • Prestiti

Case ed Immobili 

immobili

Green Economy

greeneconomy

Innovazione

Innovazione

Politica e Società

ingranaggi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed