Mercoledi, 13 Dicembre 2017

Back CREDITO Categorie Investimenti Multinazionali: Sono 15 le Società Italiane tra le Più Grandi Al Mondo

Multinazionali: Sono 15 le Società Italiane tra le Più Grandi Al Mondo


Eni, Multinazionali, Società, Mediobanca
La più grande multinazionale del mondo si conferma, per il sesto anno consecutivo Toyota, che con un totale di 269 miliardi di euro di attivo, si mette dietro la Royal Dutch Shell, multinazionale petrolifera inglese con 237,6 miliardi di euro e l'Azienda Energetica Americana ExxonMobil con 226,4 miliardi di euro. É questo uno dei dati che emerge dalla sedicesima indagine annuale sulle principali imprese multinazionali del mondo, di industria, TLC ed utilities realizzata da R&S MediobancaR&S Mediobanca. L'edizione 2011 ha preso in considerazione complessivamente 375 multinazionali mondiali con fatturato superiore ai 3 miliardi di euro, di cui 324 facenti parte del settore dell'industria e dove risultano occupati complessivamente quasi 29 milioni di lavoratori (di cui 700 mila in Italia).

Il fatturato complessivo di queste multinazionali è pari al 24% del Pil Europeo, al 17% di quello Nord americano ed al 33% di quello giapponese, mentre la capitalizzazione di borsa è pari al 42% del valore delle borse europee, al 25% di quella nordamericana e al 27% di quelle giapponesi. La top ten oltre alle tre già citate prevede al quarto posto la russa Gazprom (226,3 miliardi di euro di attivo), seguita dalla Volkswagen/Porsche (201 miliardi), dalla brasiliana Petrobas (197 miliardi), dall'Inglese British Petrolium (186,6 miliardi), dalla cinese PetroChina (184,9 miliardi), dall'americana Chevron e dalla francese Total (entrambe con un attivo di 134,8 Miliardi). Riassumendo tra i 10 big mondiali ci sono due società degli Stati Uniti, quattro europee, una giapponese, una russa, una cinese ed una brasiliana. Otto multinazionali su dieci in top ten sono società energetiche, mentre due sono manifatturiere del comparto automobilistico.
E le italiane come sono messe?
In generale in classifica sono presenti 15 multinazionali italiane, tre in meno dell'edizione precedente (escono Marcegaglia, Buzzi, Indesit e Intek), pari al 4% del totale, che coprono il 19% del Pil nazionale e rappresentano il 35% della capitalizzazione di borsa.

La vocazione di queste 15 società italiane è improntata verso il manifatturiero dove viene realizzato il 62,4% del totale del fatturato delle multinazionali del BelPaese. In generale, rileva l'indagine, le nostre multinazionali restano piccole, con un contributo al fatturato aggregato europeo del 6,9%, contro il 22% di Germania e Regno Unito e il 17% della Francia. Inoltre il nostro Paese di conferma lo stato europeo con la più elevata presenza statale nelle multinazionali, con il 58% del fatturato totale di queste società che fa capo ad imprese pubbliche.
Infine rileva l'indagine le multinazionali italiane sono le meno proiettate all'estero, ovvero vendono e producono in misura minore all'estero rispetto alle altre multinazionali europee ed inoltre risultano essere quelle con la più bassa produttività in Europa. Ma veniamo ai numeri. La meglio piazzata è l'Eni, al 13° posto, seguita dalla Fiat al 32° posto e da Finmeccanica al 104° posto.
Guardando le classifiche per settore, Eni risulta la nona azienda al mondo nel comporto energetico per totale attivo (120,7 miliardi di euro), dietro le 8 presenti nella top ten generale. Stessa posizione occupata da Fiat, nella classifica delle case automobilistiche con 65,5 miliardi di attivo, dietro alla Renault (66,4 miliardi di euro) e davanti alla Peugeot (62 miliardi di euro).

Valore Conto 468 x 60

RISORSE:

 


CREDIT
Luca Barcellona - Calligraphy & Lettering ArtsLuca Barcellona - Calligraphy & Lettering Arts by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Investimenti

  • Prestiti

Case ed Immobili 

immobili

Green Economy

greeneconomy

Innovazione

Innovazione

Politica e Società

ingranaggi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed