Martedi, 20 Agosto 2019

Back Lavoro Allestimento Vetrine: Come Attirare i Clienti

Allestimento Vetrine: Come Attirare i Clienti


vetrina, allestimento, visual

L’allestimento delle vetrine è fondamentale per convincere i passanti ad entrare o meno in un negozio. Una volta dentro ovviamente rilevano la qualità dei prodotti, i prezzi e la cortesia del personale ma è la vetrina lo spartiacque che decide “dentro o fuori”. E’ come quando in libreria decidiamo di sfogliare un libro piuttosto che un altro: ad attirarci è la copertina, l’immagine scelta, i colori o il titolo.
Insomma: anche l’occhio vuole la sua parte e nel marketing questo è un assioma fondamentale. La vetrina quindi deve riassumere l’essenza di un negozio in modo accattivante e colpire l’attenzione del target di clienti di riferimento. Inoltre non va sottovalutato il ruolo che la vetrina assume come pubblicità gratuita del negozio. Il primo passo quindi è capire cosa si vuole comunicare: un allestimento spoglio può essere sinonimo di negozio di alta classe, con pochi capi ma ricercati.

Al contrario una vetrina con tanti vestiti esposti in maniera irregolare trasmette l’idea di un’ampia scelta di prodotti. In ogni caso è fondamentale curare l’illuminazione: deve essere calda ma non creare riflessi fastidiosi per chi guarda dall’esterno. Allo stesso modo è bene calibrare con attenzione gli accostamenti cromatici. Una regola fondamentale è variare spesso l’allestimento della vetrina: i clienti infatti non si fermeranno più se sanno già cosa è esposto.

Quando si allestisce una vetrina bisogna partire sempre dal punto focale: quest’ultimo si trova nel centro, all’altezza degli occhi (più o meno ad un metro e mezzo di altezza da terra) e si estende in direzione circolare per un diametro approssimativo di un metro. Se la vetrina è molto grande possono esserci altri due punti di supporto, collocati lateralmente ed equidistanti dal focus per mantenere una sensazione di equilibrio.
L’arte del visual merchandising si è evoluta nel tempo e a queste regole base si sono poi aggiunte soluzioni innovative e stravaganti per i negozianti che vogliono osare.
Molti visual merchandising americani suggeriscono di decorare la vetrina con piante o fiori, anche eventualmente a tema (stelle di Natale a dicembre, mimosa l’8 marzo etc.). E’ bene comunque che queste decorazioni non occupino più di un terzo dello spazio espositivo onde evitare di essere controproducenti e distogliere l’attenzione dei passanti dalla merce in vendita.
Anche contestualizzare gli oggetti può risultare una scelta vincente: se vendete abbigliamento da sci create l’effetto neve finta, se si tratta di stivali waterpoof immergeteli in una bacinella d’acqua etc.
Se è ammesso, un’idea può essere quella di installare una panchina di fronte alla vetrina o inserire sul marciapiede abbeveratoi per cani: tutto quello che può servire a rendere l’ambiente circostante accogliente.
Molte vetrine giovani dispongono di displayer animati: in realtà questa scelta divide gli esperti perché, secondo alcuni, il movimento può distrarre gli acquirenti dal prodotto.
Esistono libri e corsi (anche online) per imparare a gestire l’allestimento di vetrine in maniera ottimale ma la soluzione migliore resta quella di affidarsi ad un professionista del settore. 

RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


CREDIT
thinkretailthinkretail by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed