Sabato, 25 Novembre 2017

Lavoro

Lavoro: il 99% Degli Italiani è Preoccupato

Preoccupazione, lavoro, crisiSecondo gli ultimi dati pubblicati dall'Istat la disoccupazione nel quarto trimestre dello scorso anno è arrivata al 9,6%, il dato più alto dall'ultimo trimestre del 1999.
La disoccupazione, insomma, sembra essere in forte accelerazione, nonostante su base annua nel 2011 il tasso sia il medesimo di quanto fatto registrare nel 2010 (8,4%). Continua a crescere soprattutto la disoccupazione giovanile che è arrivata al 31,9% a febbraio, il valore più alto da gennaio 2004 ed in aumento del 4,1% su base annua.
Dati negativi che oramai si sono cristallizzati nella mente degli italiani, tanto che secondo l'Osservatorio Confesercenti-IspoOsservatorio Confesercenti-Ispo sulla crisi, il 99% della popolazione è preoccupato per quanto riguarda il lavoro.

Add a comment

Strisciare il Badge per il Collega Assente è Causa di Legittimo Licenziamento

budge, licenziamento, cassazioneSul posto di lavoro vige spesso una sorta di codice non scritto di solidarietà tra colleghi. E’ come se tutti “stessero sulla stessa barca”, avendo un interesse unitario e "contrario" a quello dei datori di lavoro. Ben venga questo atteggiamento un po’ da camerata, sicuramente da preferire agli sgambetti di arrivisti e al clima ostile che vige in alcuni uffici, ma attenzione a non infrangere la legge per coprire i colleghi perché si potrebbe incorrere in conseguenze personali anche di rilevanza penale e di perdere il posto di lavoro.
La Corte di Cassazione, con sentenza numero 4693 de 23 marzo 2012, ha infatti confermato che strisciare il badge di lavoro per conto di un collega assente rappresenta una causa di legittimo licenziamento oltre a configurare gli estremi per il reato di truffa.

Add a comment

Operatori Call Center Precari: la Cassazione Impone l'Assunzione

call center, assunzione, lavoro precarioQuando si parla di lavoratori precari in Italia (e non solo) e di contratti a progetto (anche fraudolenti), il pensiero va spesso ai call center, terreno fertile per il proliferare di certe condizioni di sfruttamento. Ma una rivoluzionaria sentenza della Corte di Cassazione può forse dare una speranza a tutti quei centralinisti che ogni giorno passano ore a rispondere a telefonate di reclamo o si vedono attaccare la cornetta in faccia da utenti esasperati e sospirano in silenzio, preoccupati per una posizione lavorativa pressoché priva di tutele e per un lavoro stancante e spesso alienante che lascia loro a mala pena la pausa per un caffè alla macchinetta. La sentenza in questione è la numero 4476 del 21 marzo 2012 emanata dai giudici della sezione Lavoro della Suprema Corte.  

Add a comment

I 12 Più Grandi Imprenditori Dei Nostri Tempi

imprenditori, amministratori delegatiLa rivista Fortune ha realizzato una lista dei 12 più grandi imprenditori dei nostri tempi, sulla base sia dei successi ottenuti dalle aziende che hanno fondato o guidato, sia sull'impatto che queste persone hanno lasciato nel mondo, non solo economico ma anche sociale. L'insieme delle imprese guidate (o fondate) da questi grandi imprenditori ha una capitalizzazione di mercato di 1.700 miliardi di dollari ed impiegano più di 3 milioni di addetti, senza considerare l'indotto prodotto, soprattutto da quelle di matrice tecnologica. Spicca l'assenza di donne nella classifica, sebbene gli esempi di eccellenza non manchino. John Byrne, autore della graduatoria cita ad esempio Oprah Winfrey, capace di creare un impero dei media dal nulla e Anita Roddick di Body Shop, che ha dimostrato che è possibile conciliare business a responsabilità sociale. Due esempi significativi che però secondo l'autore non hanno cambiato abbastanza il modo di fare business per comparire in classifica. Vediamola allora questa graduatoria.

Add a comment

Lavoratori Under 40: la Crisi Ha Fatto Perdere il Posto a 1,2 Milioni di Addetti

lavoratori under 40, imprenditori, artigianiNei giorni scorsi abbiamo visto che secondo una ricerca dell'Isfol, i lavoratori anziani hanno retto meglio l'impatto della crisi rispetto ai giovani ed oggi, una conferma indiretta in tal senso è arrivata dall'Osservatorio sull'imprenditoria giovanile realizzato dall'Ufficio studi di Confartigianato. Secondo tale indagine presentata all'Assemblea nazionale dei Giovani imprenditori di Confartigianato tra il 2008 e il 2011 i lavoratori con meno di 40 anni sono diminuiti dell'11,4%, pari in valore assoluto a 1,233 milioni di unità. Contemporaneamente i lavoratori con più di 40 anni sono aumentati del 5,2%, cioè di 663.700 unità.
Tra settembre 2010 e settembre 2011 il calo dell'occupazione under 40 in Italia è stato dell'1,6% (-158.500 occupati), mentre per i lavoratori over 40 si è assistito ad un aumento dell'occupazione del 2,4% (+317.700 occupati). Insomma la crisi ha colpito soprattutto i giovani sia quelli con lavoro dipendente sia i lavoratori autonomi ed imprenditori.

Add a comment

Infermiere: una Professione Apprezzata con Ottimi Sbocchi Lavorativi

Infermieri, sanitàIl Censis dopo aver evidenziato che la spesa privata per la sanità è aumentata di oltre il 10% dall'inizio della crisi, senza un contestuale aumento della qualità, che anzi in molti casi è diminuita, si è concentrato sulla figura dell'Infermiere. In questo contesto di difficoltà economica e di efficienza non ottimale del Sistema Sanitario Nazionale, soprattutto in alcune aree, la professione dell'infermiere sembra godere di un ottimo Appeal nella società. Infatti, secondo i dati dell'ultima ricerca promossa dall’Ipasvi (Federazione Nazionale Collegi Infermieri), l'84,2% degli italiani incoraggerebbe un amico, un figlio o un parente che volesse iscriversi al corso di laurea in Scienze Infermieristiche, considerandola una buona scelta. Più di tre quarti del campione ritiene che la professione abbia un alto valore sociale, perchè dà aiuto agli altri, mentre poco meno di un italiano su due (il 47%) sostiene che il corso di laurea in scienze infermieristiche consenta di trovare facilmente lavoro. 

Add a comment

Stop Agli Stage Gratuiti e Contratti a Tempo Determinato Più Costosi per le Aziende

Giovani, lavoro, apprendistato, stageTra i temi previsti nella riforma del lavoro ve ne sono alcuni che riguardano anche i lavoratori giovani, una mossa necessaria visto che la disoccupazione giovanile ha raggiunto il 31%. Il punto di partenza della nuova riforma è quello di scoraggiare forme di abuso del lavoro dei giovani (ma anche meno giovani), oggi fortemente presenti nella realtà lavorativa italiana, quali stage non retribuiti, contratti a termine e l'utilizzo di partite Iva per rapporti subordinati. Vi è poi la volontà di semplificare quell'universo di contratti atipici che caratterizza il mercato del lavoro e che per larga parte si traduce in contratti precari. Per far questo nella riforma dovrebbe diventare preminente il ruolo del contratto di apprendistato che, stando alla volontà del Ministro Fornero, dovrà diventare la formula di accesso dei giovani (fino a 29 anni) al mondo del lavoro , andando a sostituire molti altri contratti di lavoro atipici.  

Add a comment

Giovani Imprenditori Under 30: la Crisi Ne Ha Ridotto il Numero Del 7,5%

Giovani imprenditori, imprenditoria giovanile, crisiLa crisi ha portato la disoccupazione giovanile al 31%, ma ha avuto effetto anche sui giovani imprenditori. Infatti negli ultimi tre anni i titolari e gli amministratori di imprese under 30 sono diminuiti di 28 mila unità (-7,5%) accentuando una flessione che dal 2005 è stata del 19,7% (-86 mila unità da allora).
Questi dati derivano da uno studio condotto da Datagiovani sull'imprenditoria giovanile degli individui Under 30. L'indagine ha sottolineato che gli imprenditori e gli amministratori più “maturi” hanno sostanzialmente tenuto come numero nel periodo della crisi e sono cresciuti del 5,7% dal 2005, mentre i giovani imprenditori sono scesi al di sotto delle 350 mila unità, contro le 378 mila del 3° trimestre 2008 e le 436 mila alla fine del 2005.
Il risultato di queste dinamiche è che il peso dei giovani imprenditori sul totale si sta abbassando ed oggi si attesta al 5,7% delle cariche totali.  

Add a comment

Facebook: Chiedere la Password in Sede di Assunzione

facebook, Password, privacy, lavoroL’account facebook può svelare molto di voi: dei vostri interessi, del vostro carattere, degli ambienti che frequentate etc. Lo hanno capito bene i datori di lavoro di alcune aziende statunitensi che hanno cominciato a subordinare l’assunzione di nuove risorse al rilascio della password facebook. E così i candidati in sede di colloquio, dopo le domande di routine su come si vedono tra dieci anni, si trovano a dover concedere password personali.
Molte le critiche che si possono avanzare verso questa tendenza: la prima è che nessuno su facebook è pienamente se stesso e che quindi questo metodo di valutazione può essere discriminante. Verissimo: ma del resto i profili dei Social Network sono comunque più attendibili dei curricula vitae, spesso gonfiati e scritti seguendo un template impersonale.
Ma sicuramente la questione più delicata da considerare è quella legata alla privacy.

Add a comment
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed