Lunedi, 20 Novembre 2017

Back ECONOMIA Categorie Lavoro Bar e Ristoranti Sempre Più Patria Degli Stranieri, Immigrato un Gestore su Dieci

Bar e Ristoranti Sempre Più Patria Degli Stranieri, Immigrato un Gestore su Dieci


sushibar1405.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Secondo un'indagine della Camera di Commercio di Milano senza l'imprenditoria straniera in Italia, nell'Ultimo decennio ci sarebbe il 62% di imprese in meno62%
di imprese in meno. Un dato molto significativo sul contributo degli immigrati al tessuto produttivo del nostro paese, senza dimenticare l'apporto di coloro che svolgono un lavoro da dipendente, magari, manuale, che altrimenti non verrebbe coperto da Italiani.
Ma chi sono gli imprenditori stranieri attivi in Italia? Secondo un'indagine di Confcommercio nel nostro paese vi sono 628221 imprenditori attivi, in crescita di quasi il 5% negli ultimi dodici mesi pari a 29 mila unità. Uno dei campi in cui gli stranieri imprenditori sembrano trovarsi a proprio agio è quello della ristorazione. Infatti, secondo Fipe, un titolare su dieci del settore è straniero e sono già oltre 38 mila le imprese della ristorazione gestite da immigrati, il 13,8% dei ristoranti e il 10,2% dei bar. Per quanto riguarda i Bar, l'indagine sottolinea, che si tratta di un format di più recente scoperta da parte degli stranieri. Solo negli ultimi anni, infatti, c'è stato un aumento di cittadini immigrati (soprattutto cinesi) che hanno aperto bar nelle maggiori città del Centro-Nord a testimonianza del fatto che è oramai superata la barriera psicologica data dal fatto che si trattasse di una tipologia di esercizi tipicamente italiana.
In testa alle regioni per numero di imprese del settore gestite da stranieri , troviamo la Lombardia con 8370 esercizi, seguita dal Lazio (4.167), dal Veneto (4.076), dall'Emilia Romagna (4.064), dal Piemonte (3.230) e dalla Toscana (2.641).
In Italia si contano circa 2.500 ristoranti etnici (motivo per cui sono entrati anche recentemente nel nuovo paniere Istatnuovo
paniere Istat), tre quarti dei quali sono rappresentati da cucina cinese. Segue un 9,3% di ristoranti giapponesi, un 3,2% di ristoranti africani, il 2,8% di ristoranti brasiliani e il 2% di ristoranti messicani. Sotto il profilo delle forme giuridiche utilizzate, l'indagine sottolinea una forte incidenza dell'imprenditoria straniera nelle società di capitale e nelle società di persone in Friuli Venezia Giulia (rispettivamente del 19,4% e 22,4%), in Lombardia (13,4% e 18,3%), in Trentino Alto Adige (13,5% e 20,6%) e in Abruzzo (15,4% e 18,6%).


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



In generale il numero di imprese straniere organizzate nella forma della società di persone è pari al 15,2% del totale delle imprese attive, mentre nel caso delle società di capitali la quota è dell'11%.
Ma cosa doppiamo attenderci per il futuro?
Per il direttore generale della Fipe-Confcommercio, Edi Sommariva, "i segnali che giungono dalla demografia imprenditoriale e dal mercato spingono a prevedere un irrobustimento della presenza degli stranieri nel settore” Ciò è dovuto alla perdita di appeal del mondo della ristorazione per gli imprenditori italiani a causa delle crescenti difficoltà di mercato e dei carichi di impegno e di lavoro che queste attività richiedono. Insomma se fino a qualche anno fa il sogno nel cassetto degli italiani era aprire un ristorante, oggi, complice anche la crisi economica, forse lo è meno.
Dall'altra parte gli stranieri vedono in questo genere di attività un modo per migliorare la propria condizione sociale, senza dimenticare che la domanda di certi tipi di cucina è in rapido aumento anche per l'aumentare della manodopera straniera nel nostro Paese.

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE

 

CREDIT
FUNKYAHFUNKYAH by flickr



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed