Giovedi, 15 Novembre 2018

Back Lavoro Cassa Integrazione: Sono 500 Mila i Lavoratori a Zero Ore, con 7300 Euro in Meno in Busta Paga

Cassa Integrazione: Sono 500 Mila i Lavoratori a Zero Ore, con 7300 Euro in Meno in Busta Paga


cassa integrazione, lavoro, Cgil

La Cgil dopo aver calcolato che in Italia il bacino di Disoccupati, Inattivi, Precari E Sottoccupati Coinvolge 8 Milioni Di Persone, ha fatto come si suol dire i calcoli di fine anno sulla cassa integrazione in Italia.
I dati rispetto alla fine dello scorso anno non sono ancora totalmente comparabili, visto che non sono ancora disponibili quelli relativi alla cassa integrazione di dicembre, ma ci possono dare un'idea dell'evoluzione del fenomeno rispetto allo scorso anno.
Nei 12 mesi del 2010 i lavoratori coinvolti nella cassa integrazione furono 580 mila, per un taglio netto del reddito superiore ai 4,6 miliardi di euro, pari a 8 mila euro annui per singolo lavoratore. Il monte ore complessivo superò nel 2010 1,2 miliardi di ore di cassa integrazione autorizzate.

Analizzando questi dati si può dire che la situazione nel 2011 sia migliorata, visto che a novembre le ore di cassa integrazione autorizzate sfioravano i 900 milioni, mentre nel 2010 già ad ottobre si era superato il miliardo. Una situazione, che probabilmente si deve agli inizi dell'anno quando l'economia italiana sembrava aver colto i positivi influssi di una leggera ripresa economica globale, poi annullata nella seconda parte dell'anno dalla crisi del debito europea. E da questo punto di vista gli scenari per il futuro non sono certo rosei, visto che il 2012 sarà un anno di recessione per il nostro Paese.
In ogni caso i numeri dell’Osservatorio cig del dipartimento Settori produttivi della Cgil Nazionale raccontano che rispetto ai primi undici mesi del 2010, il totale delle ore è calato del 20,09%.

Nonostante questo calo ci sono ancora 500 mila lavoratori a zero ore che nel corso del 2011 (sempre fino a novembre) hanno perso nel loro reddito oltre 3,4 miliardi di euro, pari a 7.300 euro a testa. A livello territoriale sono sempre le regioni del nord ad aver fatto maggior ricorso alla cassa integrazione, con in testa la Lombardia, seguita dal Piemonte e dal Veneto. In totale queste tre regioni hanno cumulato un monte di ore di cassa integrazione autorizzate che sfiora i 420 milioni, per un totale di lavoratori a zero coinvolti pari a 220 mila.
Il grande malato dell'Italia continua ad essere il settore industriale, che vede calare la propria produzione e nel quale si concentrano il 72,66% delle ore di cassa integrazione ordinaria (cigo), il 91,21% di quelle di cassa integrazione straordinaria (cigs) e il 40,70% di cassa integrazione in deroga (cigd). Il settore che soffre di più è quello della meccanica dove si registra il ricorso più alto allo strumento della cassa integrazione, con oltre 320 milioni di ore autorizzate e 170 mila lavoratori coinvolti a zero ore.
Da questo punto di vista la Cgil ha idee chiare, il rigore della Manovra Salva Italia, così come quello delle manovre finanziarie estive, risultano inutili se il Paese non riprende a crescere a partire proprio dal mondo del lavoro. Secondo, il segretario confederale della Cgil, Vincenzo Scudiere,: “è necessario affrontare le carenze strutturali della nostra struttura industriale”, intervenendo: “sulle debolezze delle nostre aziende: dimensione, qualità dei prodotti e ricerca e sviluppo”.
 
InfoJobs - 468x60_IJIT_blue
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed