Giovedi, 15 Novembre 2018

Back Lavoro Comunicazione Responsabile: Più Spazio Al Sociale e Al Tema Della Salute Meno a Quello Dell'Ambiente

Comunicazione Responsabile: Più Spazio Al Sociale e Al Tema Della Salute Meno a Quello Dell'Ambiente


comunicazione responsabile, responsabilità sociale

Nei Giorni scorsi a Roma, presso la sede di Confindustria, si è svolta la cerimonia per l’assegnazione del premio Aretè. Oggetto del riconoscimento era il concetto di “comunicazione responsabile”. Aggiudicataria del primo premio è stata l’azienda Sorgenia per l’iniziativa “Generazioni sensibili”, volta a sensibilizzare le nuove generazioni sull’importanza del risparmio energetico. Il progetto, inserito nel più ampio programma di “Sorgenia per la scuola”, è infatti rivolto agli studenti delle scuole elementari e medie, gli adulti del futuro.
Ma cosa si intende per comunicazione responsabile? Il premio Aretè è nato dall’idea di Enzo Argante con l’obiettivo di dare un riconoscimento alle aziende, pubbliche e private, che investono nel bene comune.

Non si tratta di enti no profit che operano nel settore della solidarietà ma di aziende che attribuiscono ai loro messaggi promozionali un valore educativo. Questo approccio, non più esclusivamente e prettamente commerciale, è divenuto fondamentale in epoca di crisi economica in cui gli Stati sono sempre meno punti di riferimento nel sistema di welfare. La Responsabilità Sociale d’Impresa (in inglese CSR, acronimo di Corporate Sociale Responability), implica un impegno, oltre che economico e imprenditoriale, anche sociale e ambientale.

L’edizione 2011 ha visto un’ampia partecipazione: 120 le candidature presentate. Nelle varie categorie istituite si sono alternate aziende affermate a livello internazionale e piccole realtà locali in crescita. Apprezzabile la partecipazione di quest’ultime, a dimostrazione del fatto che anche in Italia si stia affermando una maggiore attenzione al tema della sostenibilità e delle strategie CRS. Particolarmente attiva la partecipazione alla categoria “Internet”: la rete, meglio di altri canali, si presta infatti a questo approccio garantendo il coinvolgimento nella politica aziendale e nelle iniziative aziendali da parte di utenti e clienti. L’edizione 2011 ha inoltre palesato un frequente ricorso al mezzo dei Social Network.
Per quanto riguarda invece la scelta dei temi è stato riscontrato un calo per le questioni ambientali (passate dal 30% al 17% rispetto al 2010) e un impegno maggiore verso le comunità e le problematiche legate alla salute.  
 
Attivati subito
RISORSE:

InfoJobs - 468x60_IJIT_blue

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed