Mercoledi, 17 Luglio 2019

Back ECONOMIA Categorie Lavoro Fieg: Segnali di Ripresa per l’Editoria in Italia, a Trainare il Rilancio è il Giornalismo sul Web

Fieg: Segnali di Ripresa per l’Editoria in Italia, a Trainare il Rilancio è il Giornalismo sul Web


ipadnews1403.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Fieg, Federazione Italiana Editori Giornali, ha presentato il report “La stampa in Italia 2008-2010”, relativo appunto alla condizione dell’editoria italiana degli ultimi tre anni.
Il bilancio complessivo del mondo del giornalismo in Italia non è in rosso, ma ha fatto anzi registrare una ripresa nel corso del 2010.
A trainare la crescita del settore è tuttavia esclusivamente il web: sono sempre di più gli utenti che leggono dei quotidiani online, mentre al contrario le vendite di quotidiani cartacei continuano a calare, come avviene oramai da diverso tempo.
È stato il 2009 l’anno più buio per l’editoria, mentre come detto nel 2010 si sono registrati dei segnali di ripresa. A preoccupare gli editori è soprattutto l’aspetto economico, dal momento che risultano in calo sia i fatturati che le pubblicità: le aziende preferiscono difatti investire principalmente in campagne promozionali su altri canali, quali la televisione in primis, in cui si concentrano ben il 60% degli investimenti complessivi.
Precisamente, nel 2009 gli investimenti pubblicitari sono diminuiti del 13,4%, mentre nell’ultimo anno sono tornati a crescere (+3,8%),i noltre mentre nel 2009 la flessione del fatturato editoriale complessivo si era attestata al -11,9%, proprio per gli aspetti ora evidenziati, nel 2010 il bilancio è tornato in positivo.
Nell’anno 2010 i lettori di quotidiani sono stati oltre 24 milioni, anche se, come detto, le vendite di quotidiani cartacei continuano a diminuire. Nell’anno 2009 la spesa per giornali e libri è calata infatti del 12,4%, mentre sono molto cresciute le consultazioni di giornali online, dal momento che, sulla base di quanto emerso dal report, ben il 50% degli utenti nel giorno medio su internet si collegano su siti web gestiti da editori, ovvero una quantità aumentata nel 2010 ben del 37%.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Alla luce di quanto emerso, il presidente di Fieg Carlo Malinconico ha sottolineato alcune priorità per il mondo dell’editoria in Italia, ovvero migliorare il canale di distribuzione, che risulta inadeguato alla luce delle pessime percentuali di vendita, ed individuare nuove opportunità che garantiscano la crescita dei fatturati.
Sulla base dei dati analizzati, dunque, è ampiamente confermato il calo dell’editoria tradizionale a favore di quella su web, per la quale l’incremento di lettori è veramente notevole.

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

CREDIT
byrionbyrion by flickr



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed