Giovedi, 19 Luglio 2018

Back ECONOMIA Categorie Lavoro Import-Export: Migliora il Commercio con l’Estero

Import-Export: Migliora il Commercio con l’Estero


cargoship1806.gif

Secondo i dati forniti dall’Istat, in Italia sarebbe in aumento sia il livello delle importazioni che delle esportazioni, dati indicativi dunque di un miglioramento generale del commercio con l’estero.
Per quanto riguarda l'export, gli incrementi più netti si sono registrati, nell’ultimo anno, con i paesi Extra Ue, con una crescita percentuale, nel confronto tra il mese di aprile 2010 e l’aprile 2011, del 17,7%, mentre confrontando il primo quadrimestre del 2010 con l’analogo periodo del 2011, la crescita è stata pari al 21,6%. Inferiori, ma comunque positivi, i dati relativi all'import da paesi Ue, visto che nel confronto tra aprile 2010 ed aprile 2011 la crescita è stata pari al 9,4%, mentre confrontando il quadrimestre tra il gennaio e l’aprile del 2010 e l’analogo periodo del 2011, si è registrato un incremento del 13,8%.
Considerando i valori dell'export nel complesso, dunque le esportazioni verso tutti i paesi del mondo, l’incremento è stato pari al 12,9% per quanto riguarda il confronto tra aprile 2010 ed aprile 2011, mentre tra il primo quadrimestre del 2010 e l’analogo periodo del 2011 la crescita è stata pari a 16,9%. I volumi delle esportazioni sono inoltre cresciuti del 7,3% nel rapporto tra i primi quadrimestri degli anni 2010 e 2011.
Quanto all'import, la crescita complessiva è stata pari all'11,5% tra l’aprile 2010 e l’aprile 2011, mentre ha toccato quota 13,9% nel confronto tra i primi quadrimestri dei due anni, periodo in cui il volume delle importazioni è aumentato del 7,5%.
Anche in questo caso, gli incrementi più rilevanti sono quelli relativi ai paesi Extra Ue, che han raggiunto quota 30% nel confronto tra aprile 2010 ed aprile 2011 (31% tra i primi due quadrimestri), mentre gli aumenti delle importazioni da paesi Ue sono state pari al 13,4% (aprile 2010-aprile 2011) e al 15,8% (tra i due primi quadrimestri 2010-2011).


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



L'export è cresciuto principalmente per quanto riguarda i beni strumentali (16,6% tra aprile 2010 ed aprile 2011), seguiti da prodotti intermedi (13,1%), energia (11,9%), beni di consumo non durevoli (10,4%) e durevoli (1,6%). La crescita dell'export è stata trainata dalla vendita di mezzi di trasporto, esclusi gli autoveicoli, verso gli Stati Uniti ( 2 punti percentuali della crescita complessiva) e verso la Francia. Rilevanti anche le esportazioni di metalli di base e prodotti in metallo , escluse macchine e impianti, verso la Germania, la Svizzera e la stessa Francia (1,5 punti percentuali della crescita complessiva).
Quanto alle importazioni, in vetta vi è l’energia (37,4%), seguita da prodotti intermedi (25,9%), beni strumentali (12%) e beni di consumo non durevoli (10,9%), diminuisce invece l'import dei beni di consumo durevoli (-3,2%). L'aumento dell'import è stato causato soprattutto dagli acquisti di materiale tecnologico, in primis computer apparecchi elettronici e ottici e di mezzi di trasporto (ad esclusione degli autoveicoli) dalla Cina e, ovviamente di gas naturale da Russia e Regno Unito, vista la forte dipendenza energetica dall'estero.

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

 

CREDIT
ecstaticistecstaticist by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed