Mercoledi, 24 Luglio 2019

Back ECONOMIA Categorie Lavoro L'Identikit Dei Professionisti Dipendenti e Dei Praticanti: Caratteristiche, Occupazione e Reddito

L'Identikit Dei Professionisti Dipendenti e Dei Praticanti: Caratteristiche, Occupazione e Reddito


recruitmentstudentuni.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Abbiamo visto ieri come secondo la ricerca "Professionisti: a quali condizioni?” realizzata dall'Ires, la posizione dei professionisti autonomiposizione
dei professionisti autonomi abbia qualche luce ma anche molte ombre. Dallo studio è emerso che la maggior parte degli intervistati vede nell'autonomia una valore aggiunto della propria professione, ma che questa condizione è messa spesso in discussione dalle limitate opportunità di contrattazione e dal basso livello di protezione sociale. Vogliamo oggi concludere l'argomento parlando dei professionisti dipendenti e dei praticanti.


LA CONDIZIONE DEI PROFESSIONISTI DIPENDENTI
Il 40,2% dei professionisti dipendenti lavora in aziende con oltre 200 addetti, mentre il 43,2% lavora in aziende al di sotto dei 500 addetti. Per quanto riguarda l'intensità di lavoro, il 72% dichiara di aver scadenze rigide e strette, il 59,8% di sostenere un ritmo di lavoro eccessivo e il 41,1% di non avere abbastanza tempo per ultimare il lavoro. In generale la media delle ore lavorate è di 39,7 ore settimanali, con l'89,2% dei dipendenti che lavora full time. Dalla ricerca emergono vari aspetti verso i quali i professionisti si dichiarano molto o abbastanza insoddisfatti. Tra questi in testa troviamo le prospettive di carriera, seguite dal trattamento economico e dal riconoscimento delle competenze. Nel complesso inoltre quasi sei professionisti su dieci (il 56,3%) ritengono che il proprio lavoro non sia riconosciuto adeguatamente sul piano professionale.
Per quanto riguarda le opportunità economiche l'indagine riscontra migliori condizioni rispetto ai lavoratori autonomi, che hanno maggiori oneri fiscali e minori tutele, per le fasce di reddito più elevate.
Nella media del 2009 i redditi percepiti sono stati inferiori ai 10 mila euro per il 14,4% dei professionisti dipendenti, mentre sono risultati compresi tra i 10 e i 15 mila euro 20,6% dei dipendenti e superiori ai 30 mila euro per il 18% dei lavoratori.
Il 56,6% dei dipendenti non ricorre mai agli aiuti economici della propria famiglia, mentre il 13,8% deve ricorrervi spesso e il 29,6% qualche volta.
Poco meno di un dipendente su tre (il 32%) non incontra difficoltà nell'arrivare a fine mese, contro il 29,5% che vi arriva con alcune o molte. Infine il 23,4% dei professionisti dipendenti ritiene che la propria condizione lavorativa sia peggiorata rispetto ad un anno fa.


PRATICANTI - TIROCINANTI E STAGISTI
Quasi la metà dei praticanti (il 46,3%) lavora in aziende piccole con meno di 5 addetti, mentre solo il 12,7% ha impiego in aziende con più di 50 addetti.
L'84,1% dei praticanti non svolge un secondo lavoro anche perchè quasi una percentuale analoga (l'84,5%) deve garantire una presenza quotidiana. Inoltre il 76,8% oltre alla presenza quotidiana deve anche rispettare un orario di lavoro piuttosto rigido, tanto che la media delle ore settimanali lavorate è di 38 ore. Con queste premesse non sconvolge di certo sapere che le opinioni dei praticanti su questo periodo formativo non sono certo lusinghiere. Nello specifico per un intervistato su tre il praticantato non offre alcuna reale opportunità formativa e solo a meno di un intervistato su quattro (il 24%) non capita mai di svolgere attività non attinenti alla propria professione. 


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Una tendenza molto diffusa soprattutto nell'area giuridica dove al 39,3% dei praticanti capita spesso di svolgere attività non attinenti alla propria professione.
Come se non bastasse l'intensità di lavoro è piuttosto elevata, con il 77,2% che ha a che fare con scadenze rigide, il 41,7% ha spesso un ritmo di lavoro elevato e con il 27,8% che non ha abbastanza tempo per ultimare il lavoro. Tra gli aspetti per i quali i praticanti si dichiarano molto o spesso insoddisfatti vi sono su tutti il trattamento economico, segnalato dal 91,6% degli intervistati. Seguono la conciliazione tra lavoro e vita privata (74,4%), le prospettive di carriera (61,1%) e gli orari di lavoro (59,7%).
Mediamente il 45,9% dei praticanti non riceve regolarmente un compenso mensile. Ciò accade soprattutto nell'area tecnica dove il 69,2% non riceve regolarmente un compenso mensile, mentre le percentuali più basse si riscontrano nell'aerea economica  con il 31,7%. Questi dati sono confermati anche dalle dichiarazioni sui redditi percepiti nel 2009, infatti, il 33,1% dei praticanti non ha percepito reddito durante l'anno e il 31,7% ha percepito meno di 5 mila euro. Segue poi un 20,7% di praticanti che ha percepito tra i 5 e i 10 mila euro, l'11,7% che ha ricavato tra i 10 e i 20 mila euro e il 2,8% che ha guadagnato più di 20 mila euro.

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631
RISORSE:

blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed