Sabato, 16 Dicembre 2017

Back TECNOLOGIA Categorie Linux INIZIALIZZARE PUPPY LINUX DA USB

INIZIALIZZARE PUPPY LINUX DA USB


puppyusb.gif
puppymenu.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Nello scorso articolo ho introdotto Puppy linuxintrodotto Puppy linux e ho spiegato come installare questa distro con l'ausilio del cd live. Ora passiamo al passo successivo, ovvero inizializzare Puppy direttamente da Usb. Per far si che ciò sia possibile abbiamo bisogno di tre ingredienti: il cd live che abbiamo utilizzato per installare Puppy,  una chiavetta Usb formattata in formato Fat32 (Consiglierei da almeno 512 mb) e di un Pc, il cui Bios permetta il boot da Usb. Questa ultima condizione è forse la più complessa da mettere in pratica, perché molti pc, soprattutto i più obsoleti, non permettono questa possibilità. Prima di rinunciare, vediamo che si può fare. In primo luogo è possibile che esistano degli aggiornamenti per il Bios che rendano disponibile questa opzione, per cui contralte sul sito del produttore della vostra scheda madre. In ogni caso, l'aggiornamento del Bios è un'operazione, discretamente complessa (richiede conoscenze di base di Ms dos e la presenza di un floppy disk), che può comportare anche problemi (piuttosto rari in verità) di malfunzionamento del sistema per cui pensateci bene, prima di procedere. Esiste, tuttavia, un'altra possibilità che permette di simulare il boot da usb, utilizzando un semplice floppy disk.

Collegamenti Sponsorizzati
 

E' Puppy stessa a offrirci questa possibilità, tramite l'applicazione  "Wake Up". Per cui selezioniamo del menu Setup , l'opzione  "WakePup create boot floppy" e creiamo un  floppy disk di avvio da utilizzare per il boot (  andrà selezionato nel Bios il caricamento da floppy) che andrà a cercare Puppy sull'usb. Dando per acquisito il boot da Usb (per via diretta o indiretta), procediamo all'avvio di Puppy con il cd live. Una volta avviato puppy da cd rom,  inseriamo la chiavetta usb (formattata in fat32) e clicchiamo sull'icona Driver, presente sulla scrivania.. A questo punto verrà mostrato un elenco di tutti i dischi del sistema, clicchiamo una volta sulla penna usb, che in questo modo diverrà disponibile, verrà cioè montata (nella schermata contorno verde intorno alla penna). Ora seguiamo il percorso, Setup, à "Puppy Universal Installer". Come prima cosa ci verrà chiesto dove installare Puppy, selezionate la chiavetta Usb (ovvero Flash Dive), confermiamo, selezioniamo "install to sda1" e confermiamo di nuovo. Ora l'applicazione ci chiederà se i files da copiare sono disponibili su cd o directory, selezioniamo cd. Fate attenzione al fatto che il cd live sia nel lettore corretto, altrimenti Puppy vi indicherà in quale lettore si aspetta di trovare i files.  La fase di copy durerà qualche minuto, per cui non c'è da preoccuparsi se non succede nulla,  in seguito ci verrà chiesto quale opzione selezionare per MBR, lasciamo quella consigliata di default (MBR default). Ora ci verrà chiesto di scegliere tra tre opzioni, questo passo è particolare, in quanto il funzionamento del boot di Puppy da usb può dipendere da questa scelta. Io ho selezionato la prima opzione (just keep going) , ma tenete a mente che qualora puppy non parta da Usb, dovete rifare l'operazione di "Universal Installer", selezionando una delle due rimaste. Una volta fatto questo passo, siamo ormai alla fine, ci verrà, infatti, chiesto di confermare le nostre scelte un paio di volte e, dopo qualche tempo, verrà espulso il cd live. Ora non ci resta che chiudere Puppy, salvando la nostra configurazione su usb e riavviare, incrociando le dita. Nel salvare il file di configurazione sulla chiave Usb )o su cd, o su hd), potrete agire su diverse opzioni come il rename del file e la scelta dello spazio della usb da dedicare al file di configurazione, scegliete pure 512 mb.  Se tutto è andato bene al prossimo riavvio del pc, Puppy verrà inizializzato da usb.


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Investimenti

investimenti

Famiglia

famiglia

Green Economy

greeneconomy

Consumatori

consumatori

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed