Giovedi, 19 Ottobre 2017

Back CREDITO Categorie Mutui LIBERALIZZAZIONE DELLE IPOTECHE: È VALIDA SOLO PER QUELLE ISCRITTE A GARANZIA DI MUTUI FONDIARI

LIBERALIZZAZIONE DELLE IPOTECHE: È VALIDA SOLO PER QUELLE ISCRITTE A GARANZIA DI MUTUI FONDIARI


notaiotorino.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Pochi mesi fa veniva annunciata, in virtù del DL 141/2010, una novità molto interessante per i cittadini: la cosiddetta liberalizzazione delle ipoteche, ovvero la possibilità di chiudere un mutuo semplicemente pagando l’ultima rata e senza procedere alla chiusura per mezzo di un notaiochiudere
un mutuo semplicemente pagando l’ultima rata e senza procedere alla
chiusura per mezzo di un notaio; un iter che comportava, ovviamente, dei costi ulteriori per il mutuatario.
Un risparmio notevole per gli italiani, i quali avrebbero così evitato questa ulteriore spesa proprio in un momento piuttosto delicato dal punto di vista finanziario, ovvero il pagamento dell’ultima rata prevista al termine dell’ammortamento. Secondo le stime dell’Agenzia per il territorio, il risparmio complessivo per i cittadini sarebbe ammontato a circa 150-200 milioni di euro annui, considerato che il costo medio di un’operazione di chiusura di un mutuo è di circa 300-400 euro.
Purtroppo per i cittadini, per via del decreto correttivo 218/2010, la liberalizzazione delle ipoteche non sarà più attivata, o meglio, sarà attivata solamente in parte, dal momento che l’atto conclusivo del notaio per l’estinzione di un mutuo si potrà evitare esclusivamente per le ipoteche iscritte a garanzia di mutui fondiari.
In questa tipologia di mutui, che dovrebbe tuttavia rappresentare la maggioranza dei mutui elargiti dagli istituti di credito, l’estinzione avverrà automaticamente e sarà la stessa banca a rilasciare al debitore la quietanza attestante la data di estinzione dell’obbligazione. In seguito la banca trasmetterà la relativa comunicazione entro 30 giorni alla conservatoria dei registri immobiliari, che provvederà così alla cancellazione dell’ipoteca.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Con questa nuova normativa si aprono tuttavia delle problematiche di natura interpretativa, dal momento che numerosi mutui si autoproclamano come “fondiari” senza tuttavia possedere le caratteristiche necessarie per esser definiti tali.
Per fare chiarezza, la legge definisce il mutuo fondiario come quel mutuo che “ha per oggetto la concessione, da parte di banche, di finanziamenti a medio e lungo termine garantiti da ipoteca di primo grado su immobili”. Le istruzioni di vigilanza della Banca d’Italia integrano questo concetto sottolineando che “le banche possono concedere finanziamenti di credito fondiario per un ammontare massimo pari all’80% del valore dei beni immobili ipotecati o del costo delle opere da eseguire sugli stessi”.
Un passo indietro per i consumatori, dunque, i quali in molti casi dovranno riprendere a seguire un iter burocratico più complesso e soprattutto dovranno subire un’ulteriore spesa per l’estinzione definitiva del mutuo.

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631
 RISORSE:


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Investimenti

  • Prestiti

Assicurazioni

assicurazioni

Green Economy

greeneconomy

Innovazione

Innovazione

Politica e Società

ingranaggi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed