Martedi, 20 Novembre 2018

Back TECNOLOGIA Categorie News Sicurezza Informatica: Siti Porno Più Sicuri di Quelli Religiosi

Sicurezza Informatica: Siti Porno Più Sicuri di Quelli Religiosi


sicurezza informatica, attacchi, virus

La famosa azienda californiana di antivirus Symantec ha stilato un nuovo rapporto annuale sull’esposizione al rischio di attacco informatico degli internauti. Che le minacce in rete siano costanti non stupisce: il Security Threat Report Volume 17 di SymantecSecurity Threat Report Volume 17 di Symantec ha quantificato quasi 4.600 attacchi bloccati in media ogni giorno nel 2011, 42 miliardi di e-mail "spam" inviate quotidianamente e quasi 5000 vulnerabilità rilevate nell’arco di una giornata.
Era facilmente prevedibile anche che le minacce in rete tendessero a crescere con il passare degli anni: gli antivirus Symantec ne hanno bloccate, infatti, tre miliardi nel 2010 e ben 5,5 miliardi nel 2011 (+ 81%). La violazione dei dati è dovuta spesso allo smarrimento o al furto di dispositivi elettronici, da pc portatili a smartphone ma anche hard disk e chiavette usb.

Ma il dato più curioso e inaspettato del Rapporto è che i siti a tema religioso si sono rilevati notevolmente più pericolosi di quelli pornografici (fermo restando che questi ultimi sono più numerosi e più visitati e quindi di fatto mietono più vittime). Il rapporto di siti infetti tra quelli di fede e quelli per adulti è di 115 a 25.

I dati del 2011 quindi sfatano un luogo comune che vede siti web erotici o a luci rosse come territorio fertile per attacchi informatici (virus in particolare ma anche worm, trojan, spam, phishing e botnet) soprattutto per via dell’inserimento di banner pubblicitari ingannevoli. E’ proprio l’apparente affidabilità che spinge a navigare sui siti religiosi anche senza protezione. I siti porno invece si fermano al decimo posto della classifica dei portali più vulnerabili ad attacchi informatici, dietro ai siti di automobili e di medicina. I siti religiosi invece aprono la classifica, davanti a siti personali, di finanza, di shopping e di educazione.
Il pericolo maggiore però continua ad arrivare dai Social Network: determinante il numero di utenti, spesso anche inesperti e quindi facilmente attaccabili (solo Facebook e Twitter insieme ne contano più di un miliardo, senza contare altri Social Network emergenti come Google +, Instagram e Pinterest). Troppo spesso gli utenti cliccano su link o aprono messaggi “privati” con eccessiva superficialità.  

 

RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

 

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Investimenti

investimenti

Famiglia

famiglia

Green Economy

greeneconomy

Consumatori

consumatori

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed