Martedi, 21 Agosto 2018

News

Google: Nuovi Guai Sul Fronte Della Privacy

Google, privacy, Google sta per fronteggiare una nuova accusa per aver infranto il diritto alla privacy. La sensazione che il colosso di Mountain View si stia trasformando poco a poco in un invasivo Grande Fratello digitale si fa quindi più forte. La società diretta da Larry Page è stata accusata di aver ‘spiato’ in particolar modo gli utenti Apple.
La denuncia è scattata in contemporanea negli Stati Uniti e in Europa. Nel paese nordamericano a muovere l’accusa è stata la Federal Trade Commission. Nel Vecchio Continente, invece, tutto è iniziato dall’azione della Commission nationale de l’informatique e des libertais (ente francese).
Il controllo dei dati dell’utenza da parte della Big G sarebbe stato gestito attraverso il sistema dei cookies, piccoli file che, collateralmente, possono fornire alcune informazioni sull’internauta, come ad esempio le ricerche da lui effettuate.  

Add a comment

L'Internet Economy Raggiungerà Nel 2016 un Fatturato di 4.200 Miliardi di Dollari

Internet Economy, crescita, social networkDa quanto nel 1985 è stato registrato il primo dominio, l'Internet Economy non ha spesso di crescere, nonostante qualche recessione e il quasi collasso connesso alla bolla delle Dot.com, a cavallo del millennio. Internet è uno strumento ormai radicato nella vita di tutti i giorni ed è diventato per molti indispensabile soprattutto nelle società sviluppate. Ma il tasso di penetrazione dello strumento grazie soprattutto alla diffusione dei dispositivi mobili è enorme ed in continuo aumento, tanto che si stima che entro il 2016 ci saranno 3 miliardi di utenti internet a livello mondiale, quasi la metà della popolazione del pianeta. Secondo quanto riporta il Boston Consulting Group nel report “The 4,2 trillion opportunity: The Internet Economy in the G-20” l'Internet Economy nei Paesi del G20 raggiungerà entro quell'anno i 4.200 miliardi di dollari, contro i 2.300 miliardi di dollari del 2010. 

Add a comment

Dispositivi Tecnologici Senza Tempo: il Movimento Slow Tech

slow tech, dispositivi tecnologici, A chi di voi non è capitato di comprare uno smartphone di ultima generazione, una tv ultimo modello o un pc appena rilasciato e di scoprire poco dopo che si tratta di un dispositivo tecnologico obsoleto e superato da una nuova versione? Il progresso tecnologico del resto procede a passi così veloci che quello che è nuovo oggi, domani è già vecchio: stare dietro a questo meccanismo può diventare stressante e frustrante. Da questa considerazione è partita La Boite ConceptLa Boite Concept, una giovane società nata due generazioni fa in Francia e impegnata nello sviluppo di progetti elettro-acustici in grado di durare nel tempo. Il segreto del movimento slow tech è quello di rendere unico ogni pezzo: in questo modo il prodotto rilasciato in seguito non sarà un perfezionamento del precedente e quest’ultimo non verrà annullato.

Add a comment

I Paesi Nemici di Internet

Nemici di Internet, censuraReporters senza Frontiere ha pubblicato la lista aggiornata dei Paesi che sono nemici di Internet, quelli cioè che censurano o limitano la possibilità di esprimere liberamente la propria opinione in rete. La lista prevede 12 Stati dichiarati nemici della rete e altri 14 Paesi messi “sotto sorveglianza” per comportamenti contro la libertà di espressione.
La libertà di espressione online è diventata oggi più che mai, cita il rapporto, uno dei maggiori problemi di politica estera ed interna, specie per i Paesi guidati da regimi veri e propri o da politiche di regime. La primavera araba, che ha rivoluzionato tutto il mondo arabo a partire da dicembre 2010, grazie anche all'uso dei social media è un esempio lampante di questo concetto. Qui i social media e internet si sono affermati come strumenti di protesta o di semplice diffusione di informazioni e di libertà, mettendo a rischio o rovesciando alcuni regimi.

Add a comment

Bambini: Bravi con la Tecnologia, Scarsi Nelle Attività Pratiche

bambini, tecnologie, pcChe le nuove generazioni avessero più dimestichezza di quelle che le hanno precedute con dispositivi tecnologici non è certamente una novità, ma i dati di un recente studio realizzato dalla società di energia inglese Npower invitano a riflettere sulle conseguenze di questa digitalizzazione dell’infanzia. Il sondaggio ha preso in considerazione le capacità pratiche di bambini di età compresa tra i 5 e i 13 anni. Secondo i risultati, per la maggior parte di loro, operazioni quotidiane come allacciarsi le scarpe o preparare il The sono più complesse da imparare rispetto al meccanismo di funzionamento di dispositivi tecnologici come lettore dvd o pc. Il 58% dei bambini e ragazzi intervistati sa navigare in internet in maniera indipendente e il 50% si cimenta con i videogiochi quasi tutti i giorni. Il 46% sa come usare un cellulare per chiamare un numero nella rubrica (il 42% sa utilizzare l’iPhone anche per altre funzioni).  

Add a comment
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Investimenti

investimenti

Famiglia

famiglia

Green Economy

greeneconomy

Consumatori

consumatori

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed