Martedi, 21 Maggio 2019

Back TECNOLOGIA Categorie News Videogiochi e Violenza: uno Studio Rivela l'Esistenza di un Legame

Videogiochi e Violenza: uno Studio Rivela l'Esistenza di un Legame


videogiochi violenti, violenza

E’ un argomento su cui si è speculato parecchio. I videogiochi violenti portano alla violenza chi ci gioca? Il senso comune, specie in quella fascia di persone che non hanno mai tenuto in mano un joypad, è propenso a rispondere affermativamente. Anche i media hanno spesso avvalorato questa credenza: il caso più lampante è il servizio mandato in onda nell’edizione serale del Tg1, nel quale veniva – nemmeno tanto implicitamente – veicolata l’associazione tra la strage di Oslo e la passione per i videogiochi di guerra che coinvolge l’autore della strage, Breivik.
La community di videogiocatori ha sempre respinto con perentorietà questa convinzione sui videogiochi. La necessità di combattere i pregiudizi sul mondo videoludico ha persino spinto alla creazione di associazioni.

Quella più famosa è il Movimento contro la disinformazione sui videogiochi. Chi ha ragione?
Uno studio – recentissimo e unico nel suo genere - dell’Indiana University School of Medicine dà ragione al fronte del ‘no’ ai videogiochi. La conclusione è la seguente: l’uso di videogiochi violenti genera conseguenze a livello cerebrale. In particolare, inibisce le zone deputate all’empatia.

L’esperimento è stato condotto su 28 giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni con un passato da moderati fruitori di videogames. Sono stati divisi in due gruppi: al primo è stato ‘prescritto’ una sessione di gioco a videogiochi violenti di circa 10 ore e poi una ‘pausa’ di 7 giorni; al secondo gruppo è stato proibito di giocare ad alcunché. Nel frattempo tutti i partecipanti all’esperimento sono stati sottoposti a dei test che analizzavano le attività cerebrali sotto somministrazioni di immagini cruente, di violenze, stupri e omicidi. I test sono stati somministrati durante le 10 ore, dopo una settimana e dopo una settimana ancora. Risultato? Ai giocatori è stato riscontrato una minore attivazione del lobo frontale sinistro e della corteccia cingolata, zone utili al riconoscimento delle emozioni provate da soggetti esterni. Il dato veramente rilevante è che l’effetto non si è esaurito dopo una settimana, ma solo dopo due. Giocare ai videogiochi violenti, dunque, non solo incide ma lascia pure il segno.
Yang Wang, uno degli autori dello studio, ha dichiarato: “I videogiochi violenti hanno un effetto a lungo termine sul funzionamento cerebrale. Se i giochi vengono utilizzati per lunghi periodi questi cambiamenti potrebbero tradursi in modifiche del comportamento”.
Bruce Batholow, docente al Missiouri College of Arts and Science però frena: “Molti ricercatori hanno sempre creduto che diventare insensibili alla violenza possa causare una maggiore aggressività. Tuttavia, fino ai nostri studi, quest’associazione non è mai stata dimostrata sperimentalmente”.

RISORSE:

 

CREDIT
FireFish45FireFish45 by flickr

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Investimenti

investimenti

Famiglia

famiglia

Green Economy

greeneconomy

Consumatori

consumatori

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed